Fontivegge, pomeriggio di ordinaria follia, sospetta orverdose e un’aggressione

Fontivegge, pomeriggio di ordinaria follia, un’orverdose e un’aggressione

Fontivegge, pomeriggio di ordinaria follia, un’orverdose e un’aggressione

di Morena Zingales 
PERUGIA – Un giovane ha rischiato di morire per overdose e uno straniero ha aggredito il responsabile di un centro di grande distribuzione. E’ quanto accaduto oggi pomeriggio, attorno alle ore 14,30 in Piazza del Bacio, nel quartiere di Fontivegge, a Perugia. Nel primo caso, il ragazzo è stato  colto da malore e  ha perso i sensi crollando a terra, sul prato della piazza. Non è escluso si possa essere trattato di una overdose.

«L’episodio – riferisce l’agente di sorveglianza, Lorenzo Brunetti – ha attirato l’attenzione di alcune persone che si trovavano sul posto. Subito dopo sono state allertate le forze dell’ordine». Stando a quanto riferisce il vigilante, pare siano stati gli stessi agenti della Squadra volante della Questura di Perugia, a rianimare il giovane  che si era schiantato a terra.

Il secondo episodio, invece, riguarda l’aggressione subita dal direttore di una catena di negozi. Il dirigente è stato aggredito da un nordafricano, che pare, in passato, abbia compiuto qualche malefatta nel negozio e dallo stesso funzionario, a suo tempo, era stato riconosciuto e fatto denunciare. Il direttore del centro commerciale si stava recando in palestra, centro sportivo che si apre proprio in piazza del Bacio, e quello è stato, per il malvivente, il momento migliore per la sua vendetta.

La zona è costantemente presidiata dalla Polizia di Stato che è intervenuta anche in questo frangente.

Leggi anche – Omicidio nella notte a Perugia, la testimonianza di Lorenzo Brunetti

Sul posto, per altro, si è trovato il collega de IlGiornale.it che, proprio ieri, aveva intervistato Giulietto Albioni, figura storica che, in qualità di abitante di Fontivegge, si batte da anni per segnalare la drammatica situazione in cui versa il quartiere.

Euronews Live

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*