Due donne controllate nella notte a Perugia, avevano droga e abiti ricettati

Due donne controllate nella notte a Perugia, avevano droga e abiti ricettati

Due donne controllate nella notte a Perugia, avevano droga e abiti ricettati

Nella notte scorsa personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico in via Settevalli ha controllato una autovettura con a bordo due donne: la prima, una cittadina di origini ecuadoriane, classe 1987, con numerosi precedenti di Polizia per reati di furto e porto d’armi o oggetti atti ad offendere e la seconda di origini colombiane, classe 1984, entrambi domiciliate a Perugia.


Fonte: Questura di Perugia


Insospettiti dal modo di condurre il veicolo, come se le due fossero alla ricerca di qualcuno nella notte, gli agenti hanno fermato il mezzo; da subito, hanno notato che le donne si muovevano con fare circospetto, cercando di comunicare, a sguardi, fra loro.

Convinta di non essere vista, una delle due passava all’altra un piccolo pacchetto che veniva lanciato sotto l’autovettura, con l’intento evidente di occultarlo.

Il movimento non sfuggiva ai poliziotti che, recuperavano l’oggetto: un piccolo contenitore di plastica con all’interno 5 ovuli termosaldati in cellophane contenenti sostanza stupefacente.

L’approfondimento dei controlli, esteso all’automobile e presso le rispettive abitazioni, permetteva di rinvenire altra sostanza stupefacente, 5 telefoni cellulari, 296 capi di abbigliamento dotati di etichetta, frutto di ricettazione e oltre 500 € suddivisi in vari tagli.

Le analisi di laboratorio, condotte dal personale del Gabinetto di Polizia Scientifica della Questura, hanno confermato che la sostanza stupefacente in questione è risultata essere cocaina, per un quantitativo totale di circa 5 grammi, utile a confezionare più di 20 dosi da immettere sul mercato dello spaccio.

Le due donne sono state arrestate per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in concorso e deferite all’Autorità Giudiziaria anche per il reato di ricettazione in concorso. Su disposizione del Pubblico Ministero di turno, sono state quindi poste agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

Alla 34enne ecuadoriana è stata contestata la violazione dell’art. 116 del Codice della Strada, per guida senza patente perché mai conseguita ed elevato un verbale di contravvenzione che prevede il pagamento della somma di € 5.100. Nella mattinata odierna l’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*