Documenti di una 20ina di persone diverse, trovati assegni e carte di credito 

 
Chiama o scrivi in redazione


Documenti 20 persone diverse, trovati assegni e carte di credito 

Documenti di una 20ina di persone diverse, trovati assegni e carte di credito

di Alex Trabalza,
Movimento dello Sconforto
Ieri mattina, grazie agli amici di Legambiente di Foligno, gli amici scout di Sterpete insieme ai cittadini di Foligno e tutti gli sconfortati del mio gruppo provenienti un po’ da tutta l’Umbria abbiamo portato a termine un’altra delle nostre tappe nel rispetto e tutela dell’ambiente, tutela di casa nostra, tutela del nostro futuro e con i fatti dimostriamo sempre che le chiacchiere contano ben poco.

Abbiamo trovato ovviamente di tutto, tavoli, latte, secchi, wc, aspirapolvere, stampanti, frigoriferi ma in mezzo a tutto questo schifo, all’incirca 50 sacchi di spazzatura, abbiamo recuperato una borsa sicuramente rubata con dentro carte di identità, codice fiscale, chiavi di casa, cellulari, occhiali, libretti per gli assegni e carte di credito il tutto almeno di 15/20 persone diverse.

Diciamo lo scarto di un “bottino” di qualche malvivente che non solo ruba ma poi inquina pure! Abbiamo chiamato immediatamente la polizia che in pochi minuti è prontamente intervenuta e nel ringraziarli per la loro disponibilità e cordialità cogliamo l’occasione per dirvi che se vi è stato rubato qualcosa che è in quella borsa verrete sicuramente contattati.

Ringrazio anche il comune di Foligno per averci telefonicamente dato man forte. Ringrazio veramente di nuovo tutti per la splendida mattinata e ripeto e ribadisco che senza un lavoro a catena non riusciremo mai a fermare questa piaga delle discariche abusive che tocca tutta la nostra regione. Quindi invito e inviterò tutti gli amministratori a sedersi intorno ad un tavolo e trovare una quadra per interrompere questo sistema e non tanto per la gloria ma per tutelare il futuro nostro e dei più piccoli. Io non mollerò mai.

Noi non molliamo! E condividete per favore è importante!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*