Dimentica zaino sul treno e si rivolge alla Polfer, c’era un chilo di marijuana, arrestato

Gli rubano lo smartphone sul treno, la polizia lo ritrova e denuncia una donna

Dimentica zaino sul treno e si rivolge alla Polfer, c’era un chilo di marijuana, arrestato  Operazione congiunta messa a segno dagli Uffici di Polizia Ferroviaria di Foligno, Fabriano e la Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polfer di Ancona quella avvenuta nel pomeriggio del 17 di aprile che ha condotto all’arresto un cittadino nigeriano di 26 anni residente a Roma per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Quest’ultimo, dopo essere sceso a Foligno dal treno proveniente da Roma, si è rivolto agli Agenti della Polfer poiché aveva dimenticato uno zaino sul convoglio, nel frattempo ripartito.

Leggi anche: Polfer Foligno, oltre mille le persone controllate

Gli operatori hanno contattato il capo treno a bordo del regionale e concordato con lui e il viaggiatore, il recupero della borsa, subito ritrovata, tramite la polfer di Fabriano dove, di lì a poco, sarebbe giunto il treno. Preso il bagaglio, nell’eseguire alcune necessarie verifiche a scopo precauzionale, gli agenti si sono insospettiti per l’involucro contenuto nello zaino dal quale proveniva un forte e caratteristico odore, poi risultato appartenere ad un panetto di marijuana del peso complessivo di quasi un kg.

A quel punto, di concerto con gli uomini della squadra di polizia giudiziaria di Ancona, è stato organizzato un servizio di appostamento volto ad intercettare il cittadino straniero.

Questi, presentatosi per “ritirare” la borsa e messo di fronte all’evidenza dei fatti, ha dapprima tentato di disconoscere la paternità dell’oggetto ma, purtroppo per lui, lo stesso appariva inconfutabilmente sulle sue spalle all’atto di salire sul treno nella stazione di Roma, come mostrato dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza opportunamente acquisite dagli agenti.

A quel punto lo straniero è stato arrestato ed associato presso il carcere di Montacuto a disposizione dell’A.G..

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*