Coltellate in centro storico a Perugia, Giudice convalida arresto peruviano 🔴 Video e foto

 
Chiama o scrivi in redazione


Coltellate in centro storico a Perugia, Giudice convalida arresto peruviano

Coltellate in centro storico a Perugia, Giudice convalida arresto peruviano

Il Giudice per le indagini preliminari ha convalidato oggi gli arresti del 35enne peruviano che il 10 maggio, alle 20,30, aveva accoltellato un italiano di 37 anni in pieno centro storico a Perugia. Motivo della lite, sembra un diverbio per una ragazza. L’uomo, come detto, è un sudamericano del 1986 che era stato arrestato dagli agenti della Squadra volante, diretti da Monica Corneli. La polizia lo aveva intercettato e arrestato in tempi record e per lui era scattato l’arresto per il reato di tentato omicidio.



Oggi il Gip ha convalidato e per il peruviano, visto il pericoli di reiterazione del reato, ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari.



I fatti si erano verificati in centro storico a Perugia attorno alle 22,30 di domenica sera. Botte da orbi, sediate e coltellate tra via Baldo e Piazza della Repubblica. La lite tra i due giovani era finita nel sangue, scoppiata per futili moti, forse per gelosia nei confronti di una ragazza. Un parapiglia durato qualche minuto e che ha visto volare le seggiole del bar, forse il Blue, che si trova appunto nel piccolo vicolo dell’acropoli perugina, pugni e alla fine anche le coltellate. C’era sangue dappertutto, riferiscono i testimoni, macchie rosso scuro in terra e lungo tutto il percorso di fuga di uno dei due giovani che stavano litigando.


Uno dei due, infatti, verosimilmente per sfuggire alla furia sanguinaria dell’altro, è arrivato fino in piazza d’Italia dove l’hanno soccorso gli operatori del 118. «Quando sono arrivato – racconta Lorenzo Brunetti, agente notturno Vigilanza umbra Mondialpol – ho visto i sanitari che stavano soccorrendo un giovane, era ferito e tutto insanguinato e c’erano due auto della polizia e una dei carabinieri, più due ambulanze e la polizia scientifica».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*