C’è un piromane in giro per Perugia? Sulle sue tracce la polizia di Stato |Video

nei giorni scorsi altri due principi di incendio sospetti nei pressi di un noto albergo perugino 

C’è un piromane in giro per Perugia? Sulle sue tracce la polizia di Stato

L’incendio che ha devastato una Volkswagen Golf, nel pieno della notte in Centro storico a Perugia, non sarebbe una casualità o un fatto accidentale. Ci sarebbe, dunque, un piromane – nei giorni scorsi altri due principi di incendio sospetti nei pressi di un noto albergo perugino  ndr -, che appicca incendi, qua e là, per Perugia.

Le Forze dell’ordine, in particolare la Polizia di Stato sarebbe sulle sue tracce e non è escluso si possano avere sviluppi nelle prossime ore. Nessuna conferma ufficiale certo, ma pare che l’incendio della Golf, in piazza Ansidei, non sia stato un fatto accidentale.

I vigili del fuoco di via Cavour, tempestivi ed efficacissimi come sempre, hanno spento le fiamme che si erano sviluppate o erano state accese sulla parte anteriore del mezzo. Da una verifica successiva, però, sarebbe risultato che il tubo di scappamento della macchina era ostruito da un innesto, forse dei pezzi di carta e cartone.

Leggi anche – Incendio e scoppio nella notte, auto prende a fuoco in centro a Perugia

Un primo tentativo andato a male? Non lo sappiamo, ma potrebbe anche essere. Tanto da riprovare subito dopo con altro sistema, purtroppo ben più efficace? Può darsi! Ovvio, sull’inquietante vicenda, bocche cucite. Certo è che solo per la rapidità dell’intervento dei vigili del fuoco l’incendio non ha danneggiato altre vetture che erano parcheggiate nella piazzetta, a due passi da Via Ulisse Rocchi.

Nessun danno neanche alle abitazioni. Ma il problema resta, Anzi fa aggravare la condizione di sicurezza di uno dei luoghi più belli della Città, quello compreso tra piazzetta Ansidei, appunto, via Ulisse Rocchi e la città universitaria.

Che si sa di questa persona che si aggirerebbe nelle notti perugine combinando disastri? Non sarebbe soggetto sconosciuto, e sarebbe lo stesso che, nei pressi dell’albergo, avrebbe dato fuoco ai cestini delle cartacce. Certo è che non si tratta  di “persona normale“, niente però trapela dagli uffici della Questura e men che meno sugli esiti delle ricognizioni effettuate dai Vigili del fuoco subito dopo che hanno spento l’incendio. Vedremo nelle prossime ore. (M.Migliosi)

 

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
7 + 12 =