Auto del funzionario del Comune di Terni distrutta, atto intimidatorio?

 
Chiama o scrivi in redazione


Auto del funzionario del Comune di Terni distrutta, atto intimidatorio?

Auto del funzionario del Comune di Terni distrutta, atto intimidatorio? Federico Nannurelli, il funzionario del Comune di Terni, finisce nel mirino di atti vandalici. Nannurelli per ben due volte ha trovato la macchina danneggiata. La prima volta hanno preso di mira le fiancate e il cofano, lasciando delle vistose righe sulla carrozzeria. Il secondo episodio che è avvenuto a distanza di 24 ore sotto casa sua. In questo caso le gomme sono state squarciate.

© Protetto da Copyright DMCA

Nannurelli si occupa di numerosi appalti. Risulta infatti essere il Responsabile unico del procedimento di numerose gare indette da Palazzo Spada e altre già assegnate. Segue il settore dei lavori pubblici, ma si occupa anche di turismo, viabilità, verde.

Il commento di Enrico Melasecche: «TERNI DA “CITTÀ DI GOMMA” A CITTÀ LIBERA DI GUARDARE AVANTI E RIPRENDERE A CRESCERE. Avvengono da tempo fatti molto strani. Se fossimo un po’ più a sud li chiameremmo intimidatori o mafiosi. I TERNANI HANNO CHIESTO UN CAMBIANENTO E GLI ELETTI HANNO IL DOVERE MORALE E POLITICO DI PERSEGUIRLO.  Altrove ti lasciano una orecchia di maiale qui ti rovinano la macchina o ti tranciano le gomme. Non cambia molto. TUTTE LE ISTITUZIONI DELLO STATO NEL LORO AMBITO DEBBONO FARE IL PROPRIO DOVERE.  Ma anche e soprattutto il Comune, senza alcun tentennamento, non può retrocedere di un millimetro. Trasparenza, fermezza, tutela degli interessi dell’intera comunità, senza alcun timore reverenziale nei confronti di chicchessia. LA DEMOCRAZIA È COSA SACRA NON SOLO NEI COMIZI MA NEL CORAGGIO DELLA QUOTIDIANITÀ».

Lucia Dominici, consigliere comune di Terni: «La solidarietà nei confronti del Dott. Federico Nannurelli non può che essere forte di fronte all’atto vandalico che ha riguardato la sua autovettura. Simili atteggiamenti, inaccettabili ed indifendibili, meritano solo condanne unanimi, senza demagogie e senza strumentalizzazioni.
Secco NO a forme di intimidazione e violenza».

Alessandro Gentiletti: «Esprimo al Dott. Federico Nannurelli solidarietà per l’atto vandalico che ha riguardato la sua autovettura e che sono convinto non abbia alcuna motivazione e matrice politica. Viviamo, purtroppo, però in un tempo in cui i dirigenti pubblici diventano troppo spesso bersaglio e scudo dei politici. Troppe volte sono loro i primi a pagare, davanti all’opinione pubblica, le colpe della politica. Questo è inaccettabile e va impedito. Tutti abbiamo il dovere di difenderli, in particolare chi ha responsabilità di governo. Purtroppo invece, soprattutto questi ultimi, li usano come dito dietro al quale nascondersi. Rinnovo ai dirigenti e ai dipendenti tutti del Comune di Terni l’apprezzamento e la stima che più volte ho manifestato nelle sedi consiliari».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*