Assaltato nella notte il bancomat dell’Unicredit di Valfabbrica, ladri fuggono a mani vuote

Assaltato nella notte il bancomat dell'Unicredit di Valfabbrica, ladri fuggono a mani vuote

Assaltato nella notte il bancomat dell’Unicredit di Valfabbrica, ladri fuggono a mani vuote

In quattro, a volto coperto, hanno assaltato il bancomat dell’Unicredit Banca di Valfabbrica, comune di Perugia. I banditi sono entrati in azione intorno all’una di notte, sfondando i locali dello sportello automatico che si trova in via Roma. Il tutto lo hanno fatto con un carroattrezzi rubato poco prima in una carrozzeria di Bastia Umbra, ma sono fuggiti a mani vuote. Sul posto i carabinieri di Assisi.

I danni sono ingenti. I ladri, con l’utilizzo di alcuni cavi, hanno agganciato il carroattrezzi al bancomat per tentare di portarlo via, ma dopo diversi tentativi non sono riusciti a mettere le mani sulle cassaforte. Il vano in cui è alloggiato l’Atm, pur non avendo retto all’impatto, non ha permesso ai malviventi di portare via il denaro. La parete, come si deve dalle immagini, è stata strappata via, ma il bancomat è rimasto al suo posto.

Il boato provocato dall’impatto ha costretto i ladri alla fuga anticipata. Il botto, in piena notte, ha svegliato diverse persone in zona ed è scattato immediatamente l’allarme che ha allertato le forze dell’ordine.

Sul posto, per le indagini di rito, sono arrivati i carabinieri del radiomobile di Assisi, al seguito del capitano Vittorio Jervolino, e i militari della stazione locale di Valfabbrica, guidati dal brigadiere Francesco Ferretti e dal Luogotenente Carica Speciale Mario Righetti. Le immagini di video sorveglianza saranno fondamentali per individuare la banda.

I ladri sono fuggiti subito dopo con un’altra auto che faceva da palo mentre una parte della banda entrava in azione. Davanti alla filiale Unicredit di Valfabbrica è stato abbandonato il carroattrezzi rubato, come detto, ad una officina della zona industriale di Bastia. L’azione è stata così violenta al punto da strappare il catrame da terra. Il giorno anche un operaio per mettere in sicurezza tutta la zona.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*