Arrestato pericoloso scafista con suo natante portò a morte 10 migranti, tra cui un bambino

Arrestato pericoloso scafista con suo natante portò a morte 10 migranti, tra cui un bambino

Rintracciato dall’Ufficio Immigrazione, dovrà scontare 11 anni e 8 mesi in carcere. Era salito agli onori della cronaca nazionale il 4 marzo 2015, quando in una delle tante tragedie del mare, persero la vita per annegamento almeno 10 migranti, tra cui un bambino di 2 anni; tra i 121 superstiti, molti lo indicarono come il comandante del barcone con a bordo circa 200 persone, che — ubriaco – aveva continuato a pilotare fino al Canale di Sicilia, nonostante avesse iniziato ad imbarcare acqua poche ore dopo la partenza dalla Libia.

Dopo un anno di carcere, scaduti i termini di custodia cautelare, in attesa del processo, era stato rimesso in libertà; nel 2016 era stato denunciato per ricettazione e nel 2018 per reati di droga.

Spaccio di droga a La Passeggiata, operazione Gotham, arrestate 29 personeA livello locale, si era fatto conoscere nel luglio scorso, quando era stato arrestato dalla Polizia Stradale ternana per aver tentato di evitare un posto di blocco mentre si trovava alla guida di un’autovettura in stato di ebbrezza, causando anche un incidente in quella circostanza era stato condannato dal Tribunale di Temi. All’uscita dalla Casa Circondariale di Temi era stato espulso ed accompagnato dalla Polizia di Stato di Temi presso il Centro di Permanenza e Rimpatrio di Bari, dove, appena arrivato, aveva presentato richiesta di protezione internazionale, in virtù della quale, in attesa di essere convocato dalla Commissione per il Riconoscimento dello Status di Rifugiato, aveva lasciato il Centro di Bari ed era tornato di nuovo a Terni.

I suoi spostamenti ed i suoi contatti, però, sono stati monitorati dall’Ufficio Immigrazione della Questura, ed un mese fa è stato accertato che il tunisino si era sposato con una ternana. Nel frattempo, è pervenuto l’esito del giudizio emesso dalla Corte di Assise di Siracusa, che Io ha ritenuto il comandante e conducente di un barcone lungo circa 15 metri in pessime condizioni, sovraccarico e privo di dispositivi di salvataggio, condotto, peraltro, in stato di ubriachezza alcolica.

Per tale reato è stato condannato ad 11 anni e 8 mesi oltre al pagamento di 4 milioni e 400.000 euro come risarcimento del danno che, come riportato nella sentenza: “rappresenta la manifestazione istituzionale della umana pietà, espressa dal livello più alto degli organi di rappresentanza dello Stato italiano, per coloro che hanno perso la vita il 3.3.2015 nel Mar Mediterraneo e per coloro che, pur sopravvissuti, sono stati vittima dei fatti in imputazione”. Non appena ricevuto il mandato di cattura gli agenti dell’Ufficio Immigrazione lo hanno rintracciato presso l’abitazione della moglie e lo hanno arrestato e condotto presso il carcere di Temi. (Polizia di Stato)

Commenta per primo

Rispondi