32enne arrestato dalla Polizia per violazione misure cautelari

l'uomo, già destinatario di ordinanze restrittive, viola nuovamente

32enne arrestato dalla Polizia per violazione misure cautelari

32enne arrestato – La Polizia di Stato del Commissariato di Foligno ha proceduto all’arresto di un individuo di 32 anni, con precedenti di polizia, per aver violato le prescrizioni della misura cautelare che gli imponeva il divieto di avvicinamento alla persona offesa.

L’uomo, soggetto a un’ordinanza cautelare precedente che stabiliva gli arresti domiciliari, successivamente sostituiti con il divieto di avvicinamento, era stato coinvolto in un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Spoleto. Tale indagine aveva portato all’accusa di atti persecutori e lesioni personali.

Inottemperanza alle prescrizioni della misura cautelare di divieto di avvicinamento: l’uomo, già destinatario di ordinanze restrittive, viola nuovamente le disposizioni giudiziarie.

Nonostante le restrizioni imposte, il 32enne, nel corso del passato fine settimana, si è recato presso l’abitazione della sua ex fidanzata. La donna, spaventata dalla presenza dell’uomo, ha immediatamente richiesto l’intervento della Polizia di Stato.

Gli agenti, intervenuti prontamente, hanno sorpreso l’indagato nei pressi dell’abitazione della donna, in evidente violazione delle prescrizioni relative alle misure cautelari del divieto di avvicinamento e della Sorveglianza Speciale, emanate dall’Autorità Giudiziaria.

Dopo essere stato condotto in Commissariato per le procedure di rito, è emerso che l’uomo aveva anche trascurato la misura cautelare che gli imponeva l’obbligo di presentarsi alla Polizia Giudiziaria.

A seguito di tali violazioni, l’individuo è stato arrestato e, su disposizione del Pubblico Ministero, trattenuto nelle celle di sicurezza. L’udienza successiva ha visto la convalida dell’arresto da parte del Giudice, il quale ha deciso di aggravare la misura cautelare del divieto di avvicinamento, sostituendola con quella degli arresti domiciliari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*