Tre arresti e denunce per la rissa di Norcia

(UJ.com) NORCIA - Tre arresti e per gli altri denunce in stato di libertà alla magistratura di Spoleto per "trascorsa flagranza di reato". Dopo la rissa di domenica scorsa, accaduta a Norcia, i carabinieri di Foligno hanno identificato una decina di persone fra i teppisti. L'incidente si è tenuto prima della amichevole tra Siena e Cosenza che non era stata poi disputata. Ad essere stati indagati ed identificati sono stati tutti sostenitori della squadra calabrese. Lesioni personali - un carabiniere è rimasto contuso mentre un tifoso del Siena ha riportato una ferita alla fronte giudicata guaribile in 30 giorni -, rissa, lancio di oggetti in campo e resistenza a pubblico ufficiale: questi sono i reati a loro contestati. Subito dopo gli incidenti era stato arrestato un 37enne calabrese, già processato e condannato ad un anno e quattro mesi di reclusione con sospensione della pena, per cui è già stato scarcerato. Ieri i carabinieri di Paola avevano arrestato ad Amantea altri due tifosi del Cosenza, di 38 e 28 anni, che erano stati identificati sulla base dei filmati e delle immagini sugli episodi di violenza avvenuti domenica. Le indagini congiunte svolte dai carabinieri della compagnia di Norcia e dai loro colleghi calabresi avrebbero portato alla identificazione di altri responsabili di questi incidenti, che al momento risultano irreperibili e che non essendo quindi stato possibile arrestarli in flagranza di reato verranno denunciati in stato di libertà.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*