Monumenti ai Caduti prima Guerra Mondiale patrimonio da conoscere

Monumenti ai Caduti prima Guerra Mondiale patrimonio da conoscere

Monumenti ai Caduti prima Guerra Mondiale patrimonio da conoscere

Martedì 6 novembre 2018, alle ore 15, si terrà a Perugia, presso la Sala delle Colonne di Palazzo Graziani, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, l’iniziativa convegnistica 1918-2018 Cento Anni Di Memoria Rilievo e catalogazione dei monumenti ai Caduti della Prima Guerra Mondiale in Umbria.

Nell’occasione saranno presentati gli esiti finali del progetto di ricerca “I monumenti ai Caduti della prima Guerra Mondiale in Umbria: un patrimonio da conoscere, salvaguardare e valorizzare”, che ha visto protagonista l’équipe del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università degli Studi di Perugia coordinata dal professor Paolo Belardi, responsabile scientifico della ricerca. Il progetto, risultato assegnatario di un finanziamento da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale nell’ambito di un avviso pubblico volto alla selezione di iniziative culturali commemorative della Prima Guerra Mondiale, è stato cofinanziato dalla Consulta delle Fondazioni delle Casse di Risparmio Umbre e patrocinato dall’Anno europeo del patrimonio culturale 2018.

Oggetto della ricerca è la realizzazione di un archivio digitale dei monumenti ai Caduti della Prima Guerra Mondiale diffusi nel territorio umbro che promuova la conoscenza, la salvaguardia e la valorizzazione di tale patrimonio, simbolo fisico e ideale della memoria collettiva.

Dopo i saluti di Giampiero Bianconi (Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia), Catiuscia Marini (Presidente della Regione Umbria), Franco Moriconi (Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia), Sergio Zinni (Presidente della Consulta delle Fondazioni delle Casse di Risparmio Umbre) e Annibale Luigi Materazzi (Direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università degli Studi di Perugia), l’iniziativa prevede la presentazione degli esiti della ricerca da parte di Paolo Belardi, Valeria Menchetelli e Luca Martini (Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale) e le considerazioni conclusive tenute da Mauro Marzo (Docente del Dipartimento di Culture del progetto dell’Università IUAV di Venezia), Alessandro Campi (Docente del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Perugia), Mario Tosti (Direttore del Dipartimento di Lettere – Lingue, Letterature e Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Perugia) e Giuseppe Severini (Presidente di Sezione del Consiglio di Stato).

Nel corso dell’iniziativa sarà presentato il volume 1918-2018 CENTO ANNI DI MEMORIA Rilievo e catalogazione dei monumenti ai Caduti della Prima Guerra Mondiale in Umbria, a cura di Paolo Belardi, Valeria Menchetelli, Luca Martini ed edito da Il Formichiere, Foligno. Il volume, che raccoglie gli esiti dell’attività di ricerca, si configura come catalogo di un esteso campione di monumenti ai Caduti della Prima Guerra Mondiale disseminati nel territorio umbro (costituito da 80 monumenti ai Caduti e 15 lapidi commemorative ai Caduti selezionati secondo opportuni criteri scientifici), la cui consistenza e le cui condizioni attuali sono documentate, quale valore aggiunto rispetto alle catalogazioni esistenti, attraverso lo strumento d’indagine rappresentato dal rilievo architettonico, condotto sia con tecniche tradizionali che con tecniche avanzate nell’ambito di una campagna conoscitiva dedicata.

Al catalogo fanno da compendio la prefazione di Mario Tosti e alcuni saggi introduttivi che affrontano i principali temi connessi alla commemorazione dei Caduti in ambito nazionale e regionale, di cui sono autori Paolo Belardi, Valeria Menchetelli, Alessandra Migliorati, Giovanna Ramaccini, Rolando Ramaccini e Stefano Zagnoni. La pubblicazione integra le schede di catalogo con una vasta rassegna fotografica realizzata da Bernardino Sperandio.

Euronews Live

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*