Centenario Rina Gatti: Memoria della Scrittrice  Celebrata a Perugia

Centenario Rina Gatti: Memoria della Scrittrice  Celebrata a Perugia

Centenario Rina Gatti – La città di Perugia ha reso omaggio alla scrittrice umbra Rina Gatti nel giorno del suo centesimo compleanno. Nata nel lontano 1923 e scomparsa nel 2005, Rina Gatti ha lasciato un’impronta indelebile nella letteratura, focalizzandosi sul mondo contadino del Novecento e trasmettendo un universale quadro di sentimenti, speranze e conquiste femminili per l’emancipazione.

Il figlio della scrittrice, Giovanni Paoletti, ha guidato una toccante cerimonia al cimitero di Montebello di Perugia, dove Rina Gatti riposa. L’evento è stato un momento di riflessione e commemorazione, sottolineando l’importante contributo di Gatti nel preservare la memoria storica attraverso i suoi scritti. Paoletti ha evidenziato l’impegno di sua madre nel trasmettere un messaggio positivo e stimolante alle nuove generazioni, collaborando attivamente con le scuole.

Con emozione, Paoletti ha dichiarato: “Rina è diventata il simbolo di un piccolo patrimonio. Siamo riusciti a portare avanti il suo desiderio, dando un seguito al contenuto dei suoi scritti e lasciando qualcosa di utile alle future generazioni. Il ricordo di mia madre è vivo, suscita interesse in Italia e all’estero, attirando centinaia di autori al Concorso Nazionale Letterario per racconti brevi a lei intitolato.”

Il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, ha sottolineato il ruolo cruciale di Rina Gatti nel preservare la memoria storica della città. “Rina Gatti ci consente di non perdere la nostra memoria, un pezzo prezioso di storia e cultura. È bello essere qui a distanza di un secolo dalla sua nascita e ricordare la sua volontà di rivolgersi ai ragazzi e la sua capacità di conquistare il consenso nazionale,” ha affermato Romizi.

La consigliera della Provincia di Perugia, Erika Borghesi, ha elogiato la straordinaria vita di Rina Gatti, definendola “una donna straordinaria e assolutamente contemporanea.” Borghesi ha evidenziato il percorso originale di Gatti, che ha iniziato la sua carriera di scrittrice in età matura, trasformando le difficoltà e le condizioni delle donne del Novecento in messaggi attuali. “Nelle sue pagine,” ha aggiunto Borghesi, “troviamo messaggi sempre attuali che hanno preso forma nelle rappresentazioni teatrali realizzate negli anni con le scuole.”

La cerimonia ha visto la deposizione di fiori sulla tomba di Rina Gatti, accompagnata dalla lettura di poesie e scritti della scrittrice. Tra i presenti, oltre ai familiari, c’erano la regista Caterina Fiocchetti, il presidente di FilosofiAmo, Francesco Berardi, l’attore teatrale Leandro Corbucci e la presidente dell’associazione Monte+Bello, Alba Asfalti. La giornata è stata un omaggio sentito a una figura che ha lasciato un’impronta indelebile nella cultura e nella memoria della città di Perugia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*