A Narni proseguono i restauri del ciclo pittorico della cappella di San Giuseppe, chiesa di San Francesco

A Narni proseguono restauri ciclo pittorico cappella di San Giuseppe

A Narni proseguono i restauri del ciclo pittorico della cappella di San Giuseppe, chiesa di San Francesco

Grazie alla recente donazione di Sangraf Italy srl di Narni Scalo è stato avviato  il restauro di altre due opere di notevoli dimensioni che, insieme all’affresco già restaurato con le donazioni volontarie dei visitatori, restituiranno l’antico splendore alle opere della parete Sud: “La fuga in Egitto” e “L’Adorazione dei Magi” e i due riquadri detti “La fioritura del ramoscello di Giuseppe”. Contemporaneamente, in questa cappella che alcune ipotesi considerano essere la prima struttura della chiesa di san Francesco, verrà riaperta la porta di accesso alla pregevole scala elicoidale progettata dall’architetto perugino Ottaviano Schiratti che permette di raggiungere il piano superiore e verrà ripristinato il vano antistante la scala.

La cappella, interamente affrescata dal narnese Alessandro Torresani nel 1570, contiene opere originali e uniche in Italia molto apprezzate dai numerosi visitatori, anche se notevolmente degradate.

Gli interventi, anche se parziali rispetto all’intero ciclo pittorico, arricchiscono il patrimonio artistico del centro storico e la relativa offerta culturale.

L’affresco già restaurato e quelli il cui restauro è appena iniziato rappresentano però solo una piccola porzione rispetto all’intero ciclo pittorico.

Confidiamo che la sensibilità del direttore della Sangraf Italy srl, ingegner Luigi Nigrelli, possa estendersi ad altri responsabili e imprenditori delle attività economiche del nostro comune ai quali ci rivolgiamo fin da ora per eventuali donazioni utili al completamento dei restauri dell’intero ciclo pittorico a partire dalla volta, la cui estensione pittorica prevede un impegno economico consistente, più facile da affrontare con il concorso di vari donatori.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*