Montagna ternana in abbandono, come vengono utilizzate risorse AFOR?

 
Chiama o scrivi in redazione


Montagna ternana in abbandono, come vengono utilizzate risorse AFOR?

Montagna ternana in abbandono, come vengono utilizzate risorse AFOR?

Quante risorse sono state destinate da AFOR alla manutenzione della montagna ternana ormai in stato di desolante abbandono? Purtroppo gli spazi attrezzati della montagna ternana sono privi di manutenzione. La vegetazione fatta di ginestre e rovi continua a divorare i sentieri ed i prati che un tempo erano pascoli rigogliosi. Gli specchi d’acqua dove un tempo si abbeveravano gli animali sono spesso asciutti a causa dell’assenza di manutenzione. Questo accade perchè ormai da anni in questi luoghi non ci sono più attività pastorali. Eppure qualcuno ha pagato per utilizzare quei pascoli.

Pascoli da cui tanti pastori sono stati cacciati proprio per l’aumento vertiginoso dei prezzi a seguito della convenzione siglata tra Comune di Terni ed AFOR. Dal giorno di quella denuncia non abbiamo mai smesso di interessarci a questa vicenda sia in Comune che in Regione.

Una brutta storia che pare destare solo il nostro interesse. Attraverso un’interrogazione a risposta scritta alla giunta regionale chiediamo di sapere quante risorse sono state introitate da AFOR attraverso la messa a reddito del patrimonio agro – silvo – pastorale così come stabilito nell’articolo 1 del Protocollo d’intesa. E chiediamo di avere una rendicontazione precisa che attesti le finalità espresse nel Protocollo d’Intesa.

Secondo gli impegni sottoscritti da AFOR con il Comune di Terni, infatti, le risorse devono essere impiegate per il miglioramento del patrimonio arboreo comunale. Lo chiediamo per rispetto dei pastori che chiedono di poter usufruire di alpeggi che a causa degli alti costi decisi dall’AFOR restano nella maggior parte dei casi inutilizzati. O peggio ancora assegnati a soggetti che li sfruttano non per far pascolare gli animali come dovrebbe essere, ma per attingere a fondi pubblici ed europei. Non è possibile che non si riescano a trovare pascoli idonei affinché i pastori delle nostre montagne possano svolgere il proprio onesto lavoro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*