Immunologo Minelli, ‘Mers dal Qatar? Rischio minimo, no psicosi’

'Sindrome respiratoria grave ma poco contagiosa e con qualche dubbio su passaggio diretto uomo-uomo'

Immunologo Minelli, 'Mers dal Qatar? Rischio minimo, no psicosi'

Immunologo Minelli, ‘Mers dal Qatar? Rischio minimo, no psicosi’ 

“Ritengo plausibile una minima soglia d’allarme rispetto a uno scenario di contagio dal cosiddetto ‘virus dei cammelli’, non trascurando di ricordare che la Mers è una sindrome respiratoria grave ma già conosciuta. Al netto di ogni deprecabile psicosi, bisogna dire che la Mers è la sorella cattiva della Covid con percentuali di rischio morte ben più elevate tuttavia, dalla letteratura scientifica disponibile, risulta essere molto meno contagiosa, con qualche dubbio relativo al passaggio diretto da uomo a uomo, che farebbe una differenza strategica”. Così all’Adnkronos Salute l’immunologo Mauro Minelli, responsabile per il Sud-Italia della Fondazione per la medicina personalizzata, commentando un ipotetico rischio di Mers-CoV o Sindrome respiratoria mediorientale, derivante dal rientro dei tifosi dai Mondiali di calcio in Qatar.

“Del resto – prosegue – la Mers, che tanto preoccupa gli sportivi di ritorno dai deserti del Qatar per i Mondiali di calcio, ha dato prova di essere temibile ma non ha raggiunto mai dimensioni pandemiche, e questo è un precedente del quale tenere conto e sul quale i ricercatori potrebbero concentrarsi per capire il livello del potenziale allarme”.

“Su un punto però dovremmo essere tutti d’accordo – conclude l’immunologo – mettere a frutto la lezione della pandemia da Covid-19 per non trovarci di nuovo in balia delle onde dinanzi ad un eventuale futuro cataclisma sanitario”.

(Frm/Adnkronos Salute)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*