Decreto sisma, Terzoni, M5S, ieri aula del Parlamento era piena

 
Chiama o scrivi in redazione


Decreto sisma, Terzoni, M5S, ieri aula del Parlamento era piena

Decreto sisma, Terzoni, M5S, ieri aula del Parlamento era piena

“Il Parlamento sta lavorando alacremente per risolvere i problemi dei terremotati. In queste ore circola una foto dell’aula vuota al momento dell’avvio del dibattito sul Decreto sisma, che ovviamente semina amarezza tra i cittadini. Però un buon servizio al pubblico sarebbe spiegare come funziona il Parlamento, quali sono i momenti importanti, quelli in cui la presenza è richiesta, ricordando che il lavoro in aula è un decimo di quello che si svolge nelle tante commissioni di Camera e Senato sui diversi temi.

© Protetto da Copyright DMCA

Il tutto in contemporanea, quindi è del tutto evidente che moltissimi parlamentari sono impegnati a svolgere il loro lavoro per l’ambiente, la finanza, il commercio ecc. Solo la mia commissione si è riunita sette volte per valutare e migliorare il Decreto Sisma predisposto dal Governo, ha esaminato e votato centinaia di emendamenti, ascoltato decine di rappresentanti del territorio.” così Patrizia Terzoni, vicepresidente della Commissione Ambiente della Camera sul caso del Decreto Sisma.

“Abbiamo discusso, anche animatamente, per ore su come rendere più agevole la ricostruzione – continua la Terzoni. Poi ci sono gli incontri interni ai gruppi parlamentari per stabilire una posizione e poi ci sono i voti in aula, dove la presenza è richiesta e dove, come si vede dalla foto, ieri erano presenti tantissimi deputati proprio per la discussione del decreto Sisma. A tutto ciò si aggiunge il lavoro con i ministeri e poi sul territorio per ricevere e approfondire le richieste di amministratori e cittadini.”

“Vengo da un’area del cratere marchigiano, so cosa vuol dire avere problemi quotidiani e siamo assolutamente consapevoli delle giuste rivendicazioni dei cittadini. Per questo nel decreto sisma ci sono, appunto, le risposte concrete a tantissime di queste richieste. Proprio per il rispetto che dobbiamo tutti a chi sta soffrendo sarebbe importante evitare di aggiungere una rappresentazione fuorviante sull’atteggiamento dei parlamentari di fronte a questa vicenda, che è invece improntato alla responsabilità di dare risposte serie e concrete al dramma delle aree colpite dal sisma.” conclude la Terzoni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*