Terni, Rossi: «I 5 mila metri di commerciale al Palasport una eredità»

 
Chiama o scrivi in redazione


Terni, Rossi: «I 5 mila metri di commerciale al Palasport una eredità»
Michele Rossi

Terni, Rossi: «I 5 mila metri di commerciale al Palasport una eredità»

“In merito ai lavori di oggi della 1° commissione consiliare sono stato io – dichiara in una nota il capogruppo di Terni Civica Michele Rossi –  a chiedere ulteriori approfondimenti sulle  procedure adottate (velocizzazione della procedura con intervento diretto anziché piano attuativo) per la realizzazione del Palasport, in quanto ritengo che la trasparenza sia elemento indispensabile. Pertanto vigilerò con attenzione sui passaggi successivi, ad iniziare dalla convenzione tra il comune e la società di realizzazione in quanto è in questa sede che verranno dipanate questione non secondarie. Mi preme inoltre un aspetto emerso anche oggi, quello della qualità architettonica della nuova struttura che non potrà essere così elementare, così come appare oggi sul progetto preliminare.

Finalmente è chiaro che i cinquemila metri del commerciale previsto nella città dello sport non è una scelta di questa amministrazione ma della precedente, un atto risalente al 2016, al quale è oggi impossibile opporsi dato che la procedura di bando e di assegnazione per la realizzazione è ormai stata espletata nella sua interezza dalla pretendente amministrazione.
Fugata qualunque responsabilità in tal senso da parte dell’attuale governo della città. Anche in questo caso è evidente che subiamo le scelte irreversibili di altri alle quali non possiamo  proceduralmente sottrarci.  Non comprendo quindi la strumentalizzazione becera dell’opposizione che ci addossa colpe che vengono da lontano.
Nel rispetto del programma elettorale, che esplicitamente respinge ogni nuova area di grande distribuzione e che mai tradirò, fedele in particolare al progetto politico sempre portato avanti dal sottoscritto, arginerò in ogni occasione nella quale si potrà  farlo le grandi superfici di vendita sostenendo il commercio al dettaglio, come ho già fatto con vocabolo Staino.
Mi aspetto da questa amministrazione la compensazione degli errori del passato con strategie reali di sostegno al piccolo commercio fulcro essenziale della Terni attrattiva. Mi aspetto quanto prima il piano del commercio,  della mobilità alternativa,  un calendario di iniziative culturali e turistiche realmente attrattivo. Di questi temi occorre discuterne per tempo con una programmazione quantomeno annuale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*