Marmore, due eventi per rendere più bello, gradevole ed ospitale il paese

 
Chiama o scrivi in redazione


Marmore, due eventi per rendere più bello, gradevole ed ospitale il paese

Marmore, due eventi per rendere più bello, gradevole ed ospitale il paese

dalla Pro Loco di Marmore
Con l’obiettivo di rendere più bello, gradevole ed ospitale il nostro paese attraverso l’utilizzo dei fiori, un mezzo poco costoso e di grande effetto cromatico ed estetico in grado di trasformare lo scorcio di una via, una piccola finestra, un balcone, un giardino, abbiamo riproposto il concorso “Balconi e giardini fioriti e illuminati – Coloriamo di fiori il nostro paese” giunto alla sua V^ edizione.

Il concorso, aperto a tutti, riguarderà l’allestimento a tema libero di balconi, terrazze, giardini, vetrine, davanzali o particolari abitativi esterni, ed è stato pensato per valorizzare, ravvivare, colorare ed ingentilire l’immagine del Paese di Marmore. Una promozione paesaggistica, culturale e turistica del nostro territorio, uno scrigno pieno di tesori da scoprire, custodire, tutelare e promuovere.

Ogni sera, queste creazioni floreali e profumate saranno illuminate e ancor più coinvolgente sarà la partecipazione emotiva.

Lo stiamo facendo proprio bello il nostro paese!

Grande partecipazione e inclusione sociale tra residenti, stranieri, proprietari di seconde case, affittuari, villeggianti, attività commerciali!

In molti hanno lavorato per la decorazione e sistemazione della fioritura e l’illuminazione dei giardini, degli edifici, degli spazi pubblici e privati e per la creazione di un ambiente favorevole all’accoglienza ed al soggiorno, sia degli abitanti che dei turisti.

La valutazione delle opere di abbellimento andrà dal 17 Luglio al 20 Luglio 2020 e durante questo tempo ogni partecipante dovrà garantire il mantenimento delle caratteristiche del luogo in concorso.

La Giuria avrà un compito arduo in quanto dovrà valutare: impatto estetico e scenografico, varietà e composizione dei fiori e delle piante, combinazione e scelta dei colori e dei fiori, capacità di valorizzazione del luogo.

I premi previsti non saranno in denaro ma in buoni acquisto da  utilizzare esclusivamente presso esercizi commerciali di Marmore, a scelta dei vincitori.

Inoltre, per riappropriarci ancor più del nostro territorio, abbiamo organizzato un ulteriore evento “Ti invito nel mio orto: il concorso che premia la nostra tradizione ortofrutticola”.

Poche riflessioni e una immediata decisione.

Le generazioni passate vivevano a contatto con la natura, in qualsiasi momento dell’anno; coltivare la verdura e la frutta era la prassi. Questo legame indissolubile tra l’uomo e la natura, purtroppo, si è perso nel tempo a causa del progresso tecnologico e di sistemi di coltivazione e produzione sempre più sofisticati, ma è necessario tornare a gustare quella piccola oasi felice amica dell’ambiente e pronta a regalarci tanti prodotti buonissimi, colorati e profumati, a Km 0, riducendo impatto energetico,

Avere un orto significa avvicinarsi alla natura e ai suoi ritmi, proprio come si faceva una volta, quando l’uomo viveva in armonia con la natura, sua unica fonte di sostentamento; e chissà che non si ricominci a studiare il ciclo della luna e seguire gli antichi trucchi degli anziani o i consigli della nonna.

Coltivare un orto garantisce anche effetti benefici per il nostro organismo, un impatto positivo sulla spesa familiare e consente di avere prodotti biologici a km 0.

Allora perché non provare a farlo con un concorso che nasce con l’intento di poter fornire a tutti un’occasione di crescita e di confronto?

Inviti ne abbiamo ricevuti da coloro che curano orti privati, condivisi, condominiali, domestici, altri sono stati sollecitati, perché coltivare un orto è un po’ custodire tradizioni antiche, mantenere trucchi, cure e segreti per la semina, il posto adatto alla cultura, l’innaffiatura, la raccolta e tanto altro ancora.

Proprio questo è stato è sarà ancora il nostro obiettivo!

Molte conoscenze sono andate perse e non esistono scuole né insegnanti in grado di trasferire cognizioni pratiche, ma noi abbiamo trovato uomini, donne, giovani che curando gli orti ne hanno fatto, oggi, una filosofia di vita.

Attraverso interviste, sopralluoghi, documentazione fotografica, la giuria ha individuato orti privati, condivisi, domestici, organizzati, sostenibili, colorati e sorprendentemente divertenti!

Appuntamento a sabato 25 luglio ore 17,30 – presso il campo sportivo di Marmore, per la pesa del pomodoro più grosso, la premiazione delle quattro categorie (balconi – giardini – orto più curato e globale –  pomodoro più grosso) e una salutare merenda!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*