Il bosco delle Grazie torna ai cittadini dopo cinque anni

 
Chiama o scrivi in redazione


di Martina Rastelli
Il bosco delle Grazie torna ai cittadini dopo cinque anni.
Il bosco delle Grazie è una delle più importanti e antiche aree verdi della città collegata al parco di viale Trento e al colle di San Valentino, e oggi si celebra la sua riapertura, alle ore 15, davanti all’edicola di San Bernardino.

Cerimonia di inaugurazione

I partecipanti alla cerimonia di inaugurazione sono:  il sindaco Leonardo Latini, gli assessori al verde e ai lavori pubblici Benedetta Salvati ed Enrico Melasecche, e gli allievi dell’istituto Briccialdi che daranno vita ad un’esibizione musicale.

Una mostra documentaria sul complesso Le Grazie è stata allestita in biblioteca, dove ci sarà una conferenza di Michele Benucci su Il giardino del Conte Antonio Manassei, alle ore 17.30.

La riapertura del parco è stata resa possibile grazie all’intervento del Comune, Afor, ASM e Soprintendenza paesaggistica che hanno ristrutturato il parco dopo i danni causati da una tromba d’aria nel 2015.

LEGGI ANCHE: Il parco del buco e Fontivegge, siringhe usate a tra la boscaglia |VIDEO

I lavori di strutturazione

All’interno del parco sono state analizzate 52 piante per valutarne le condizioni vegetative, fitosanitarie e di stabilità.

Trentaquattro piante risultate secche e pericolose sono state abbattute e sostituite da alberi ad alto fusto (9 tigli, 2 sorbi, 3 lecci, 8 carpini, 5 aceri campestri) e arbusti (6 ligustrum volgaris, 9 launus nobilis, 12 viburnus tinus).

L’intervento è stato realizzato nell’ambito del Progetto di Forestazione Urbana, lavori di riqualificazione e messa a dimora di nuove essenze arboree.

Al’interno del parco sono stati fatti anche ulteriori interventi: i tombini sono stati disostruiti per evitare allagamenti in caso di piogge, i sentieri e i camminamenti sono stati completamente ripristinati, nuove panchine sono state posizionate e le staccionate sono state rifatte.

Infine, sono state finalmente ripulite le scritte sui muri.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*