Il Cittadella vince con due rigori,  il gran cuore dei grifoni non basta

 
Chiama o scrivi in redazione


Il Cittadella vince con due rigori,  il gran cuore dei grifoni non basta
ph Roberto Settonce

Il Cittadella vince con due rigori,  il gran cuore dei grifoni non basta

di Elio Clero Bertoldi
CITTADELLA – Il cuore c’é, non la fortuna. Due rigori piegano il Grifo al Tombolato e permettono ai padroni di casa di lanciarsi in zona promozione diretta. Raccoglie molto, forse più di quanto abbia meritato, la squadra di Venturato, ma questo é il calcio. Due tiri in porta due gol; il Perugia impegna quattro volte Psleari ma non sfonda. I perugini scendono a -4 dai play off, ma anche a +6 sui play out.

Privo di Iori, Perticone, Branca e Gargiulo, Venturato cambia otto elementi: affida la regia a Pavan e, in avanti accanto a Diaw pone De Marchi, preferendolo a Luppi. Cosmi (alla partita numero 700 da professionista) sostituisce gli squalificati Di Chiara e Carraro rispettivamente con Benzar (a destra, spostando Mazzocchi a sinistra) e Konate, cui spetta il compito di far argine davanti alla difesa, nonostante la giovane età. Davanti si muovono Iemmello e Melchiorri, grande protagonista, per duttilità e impegno, dell’ultima gara interna.

La prima palla gol la costruisce il Perugia con Melchiorri che approfitta di un errore di Adorni e lascia la palla a Iemmello: il tiro di Re Pietro é violento ma centrale e Paleari può mettere in angolo.
Al 23′ Angella accusa un fastidio muscolare e lascia il campo ed il ruolo a Rajkovic. Il direttore di gara si rivela abbastanza largo di manica sui falli sistematici dei padroni di casa.

Al 38′ Illuzzi concede un calcio di rigore per un fallo di Rosi (con giallo) su Diaw (si trattenevano a vicenda), che trasforma (gol numero 12 per la punta e secondo posto rituale della squadra di Venturato in classifica).
Alla ripresa del gioco, Cosmi richiama Konate (per Kouan) e Benzar (per Nzita). Così Mazzocchi può tornare quinto a destra.

Al un colpo di testa di Melchiorri, il Cittadella risponde con una azione di Panico per Diaw, anticipato da Rosi. Subito dopo Diaw segna di testa, ma in fuorigioco.
Al 10′ st nuovo penalty (fallo di mano di Rosi) per i veneti. Ancora Diaw sul dischetto: Fulignati intuisce sulla destra ma la palla entra.

Buonaiuto in cattedra (assist di Melchiorri): la sua conclusione viene respinta da Paleari; tuttavia se avesse allargato avrebbe trovato un compagno libero e con la strada spalancata verso la porta avversaria. Poi ancora una girata al volo (alta) di Buonaiuto su cross di Falzerano. In questa fase della partita i grifoni spingono con vigore. Alla mezz’ora, con l’uscita di Rosi, affaticato, il Perugia passa alla difesa a quattro, arretrando sia Mazzocchi, sia Nzita.
Episodio discutibile al 35′: l’arbitro fischia un fallo di Melchiorri su D’Urso e più cambia idea, imputando l’azione scorretta al veneto. ma il fallo era stato consumato in area e il grifo protesta per un rigore negato. Ancora una bella azione di Melchiorri che apre per Buonaiuto, ma Paleari si oppone. Ed altrettanto il portiere fa su Mazzocchi. Nel recupero ancora Buonaiuto non riesce a sfruttare una uscita bislacca di Paleari.

 

Cittadella-Perugia 2-0
CITTADELLA (4-3-3): Paleari 7; Vendola 6 (20′ st Frare 6) Adorni 5.5 Camigliano 6 (29′ st Mora 6) Rizzo 6 (40′ st Benedetti sv); Vita 6 Pavan 6 Proia 6 (29′ st D’Urso 5.5); Panico 6 Diaw 7 (20′ st Stanco 6) De Marchi 6. A disp.: Maniero, Benedetti, Bussaglia, Luppi. All.: Venturato 6.
PERUGIA (3-5-2): Fulignati 6; Rosi 5.5 (29 ‘ st Capone 6) Angella 6 (23 pt Rajkovic 6) Sgarbi 6; Benzar 6 (1’st Nzita 6) Falzerano 6.5 Konate 5.5 (1′ st Kouan 6) Nicolussi Caviglia 5.5 Mazzocchi 6; Iemmello 5 (17′ st Buonaiuto 6.5) Melchiorri 6.5. A disp.: Albertoni, Righetti. All.: Cosmi 6.
ARBITRO: Illuzzi 5.5
Guardalinee: Rossi-Lombardo.
Quarto uomo: Minelli.
MARCATORE: Diaw (rig) al 38′ pt e al 10′ st.
AMMONITI: Konate (P), Panico (C), Rosi (P), Proia (C), D’Urso (C).
NOTE: Espulso, per proteste, il dt biancorosso Goretti. Ang.: 4-3 per il Cittadella. Rec.: 2′ pt, 6’ st.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*