Una lettera che parla di Paolo Rossi, così Lidia scrive alla moglie Federica

 
Chiama o scrivi in redazione


Una lettera che parla di Paolo Rossi, così Lidia scrive alla moglie Federica

“Paolo Rossi, un campione tra i campioni che ha dato gloria al nostro Paese e motivo di vanto a noi italiani. Persino le ragazzine negli anni ’80 (fra quelle c’ero io), seppur conoscendo poco o quasi nulla del calcio, diventammo tifose dei nostri beniamini della nazionale”.

© Protetto da Copyright DMCA

Questo l’inizio di una lettera scritta Lidia Manuguerra di Trapani ed inviata alla moglie di Paolo, Federica Cappelletti. Missiva condivisa dalla stessa nella chat del gruppo Reporter dei giornalisti umbri e che noi riprendiamo.

“E’ la prima volta che mi permetto di scrivere di un personaggio pubblico, forse perché, stavolta, non è solo la notizia della sua morte a colpire, ma anche il garbo, l’educazione, la gentilezza, l’umiltà e il rispetto per tutti che appariva nel suo modo di essere, che sono gli unici dinamismi che portano ad avanzare verso il bene comune”. – continua la lettera.

E rivolgendosi a Federica scrive: “Nella tua scelta si raccontare di Paolo, nonostante il dolore di dover far meno di lui, è apparsa la tua forza fisica e mentale, il tuo equilibrio, la tua promessa e il tuo impegno di andare avanti, per continuare a realizzare i progetti intrapresi insieme, nonché l’amore per le tue figlie che cresceranno insieme ad Alessandro”.

Il resto della lettera: 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*