Disagio giovani che vivono, studiano e praticano sport a Terni

 
Chiama o scrivi in redazione


Disagio giovani che vivono, studiano e praticano sport a Terni

Disagio giovani che vivono, studiano e praticano sport a Terni

Gentile Assessore,

La contattiamo per portare alla sua attenzione la continuativa situazione di disagio dei giovani che vivono, studiano e praticano sport nel territorio del Comune di Terni, da lei rappresentato. Tramite la suddetta, Le segnaliamo la necessità delle ampie comunità che praticano skateboard e Art Du Déplacement (ADD) a Terni e che ad oggi ancora non hanno uno spazio sicuro e idoneo in cui potersi esercitare liberamente, senza incorrere nelle sanzioni a cui altrimenti sono soggetti in tutto il resto degli spazi cittadini. Si tratta però di un problema più ampio dello sport, e che riguarda tutti i giovani ternani e il loro naturale bisogno di aggregarsi, vivere la città, coltivare passioni, come la musica, l’arte di strada etc.

Tale richiesta non è dunque limitata a i soggetti che vorrebbero dedicarsi alle pratiche sopracitate, ma è anche un pretesto che può spingere i giovani in generale ad approcciarsi diversamente alla città, ad allontanarli da forme di “svago” potenzialmente deleterie come droghe ed alcool e a coinvolgere l’intera comunità a trascorrere il loro tempo libero più assiduamente e volentieri nella propria città. Terni al momento è, per noi giovani che la viviamo, una città che ci limita e ci isola, ed in questo contesto nascono il degrado urbano e le ragioni della sempre più comune fuga dalla nostra Regione.

Questa al momento non è la città in cui vogliamo vivere e lo abbiamo manifestato con il nostro evento dell’1 agosto scorso “RECLAIM THE CITY”, che ha avuto un gran successo a livello di partecipazione: abbiamo cercato di immaginare con gli sport, la musica e l’arte di strada un modo diverso per concepire la città e il modo in cui aggregarci e divertirci in sicurezza in questa.

Da tempo ormai si susseguono promesse e rassicurazioni sull’apertura di uno skatepark a Terni, parole che però non sembrano mai concretizzarsi. In risposta al nostro evento ci è stato nuovamente comunicato che questo spazio è in dirittura d’arrivo, ma a distanza di quasi due mesi non ci sono ancora certezze.

La nuova generazione ternana necessita in maniera sempre più evidente di essere ascoltata, tutelata e compresa: creare spazi per permetterci forme corrette e costruttive di svago rende Terni stessa una città più sana e vivibile. È giunto il momento di dar respiro e sostegno alle forme creative degli adulti di domani.

Per questo oggi le scriviamo, confidando in una Sua pronta risposta, per chiederle un confronto sui temi degli spazi giovanili, sportivi e aggregativi. La Terni in cui vogliamo vivere è una città aperta e partecipata a tutto tondo; una città in cui i giovani vengono ascoltati e prendono parte attivamente nella comunità con le loro idee, le loro energie e le loro passioni. La ringraziamo per la cortese attenzione e non dubitiamo che sulla base di tutto ciò si possa costruire un dialogo proficuo con Lei e il resto dell’Amministrazione comunale.

Saluti,

Rete degli Studenti Medi Terni

Altrascuola – Rete degli Studenti Medi Umbria
Il sindacato studentesco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*