Buoni spesa Perugia, le risorse non bastano per tutti, molte domande al vaglio

 
Chiama o scrivi in redazione


Comune di Perugia, approvato il bilancio consuntivo 2019

Buoni spesa Perugia, le risorse non bastano per tutti, molte domande al vaglio

Le richieste per i buoni spesa a Perugia sono già arrivate a quota 5mila. 400 richieste sono già state soddisfatte, con importi variabili dai 200 ai 300 euro, ma 4.400 sono al vaglio. Gli Uffici stanno vagliando una ad una le domande fin qui presentate, perché in alcuni casi c’è il sospetto che la richiesta di buoni spesa sia avvenuta da parte di famiglie che non hanno effettivo bisogno. Le famiglie di furbetti che hanno richiesto il voucher ora rischiano il penale. E’ quanto riporta oggi la Nazione Umbria.

Il Comune di Perugia ha attivato un conto corrente per le donazioni dei privati in aggiunta alle risorse del fondo di solidarietà assegnate dal Governo nazionale, non sufficienti a soddisfare l’enorme mole di richieste pervenute dalle famiglie. Gli uffici del Comune nei giorni scorsi hanno anche raccolto tra 15 e 20mila euro che privati – aziende e famiglie – hanno versato come donazione al Comune per aggiungere risorse ai buoni stessi.

Il gesto di solidarietà dei cittadini contribuirà a garantire i buoni spesa a tutti coloro che ne hanno bisogno. Di seguito l’iban ove è possibile effettuare le donazioni: IT07D0200803027000029502587. Causale: contributo a titolo di liberalità per solidarietà alimentare.

N.B. Alle donazioni si applicano le disposizioni di cui all’articolo 66 del D.L. 17 marzo 2020 n. 18, ossia la detrazione dall’imposta lorda ai fini dell’imposta sul reddito pari al 30%.

“In questi ultimi giorni – ha sottolineato il sindaco Andrea Romizi – Perugia è stata teatro di numerosi e bellissimi gesti di altruismo verso chi è in difficoltà. Tante vie si sono riempite di iniziative, di panieri solidali nati spontaneamente e contraddistinti dal motto “se puoi lascia, se hai bisogno prendi”, alle spese sospese in tante attività commerciali. Queste dimostrazioni di attenzione nei confronti di chi vive una situazione di precarietà mi hanno sinceramente emozionato. Come Amministrazione stiamo mettendo in campo tutte le risorse di cui disponiamo. Ma chi vuole, aziende, cittadini, associazioni, può aiutarci donando a questo conto corrente. Tutto quello che verrà raccolto contribuirà ad incrementare il fondo per i buoni spesa destinati a chi più ne ha bisogno”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*