Tumori femminili Pink is Good Running Team per vincere le neoplasie

Tumori femminili Pink is Good Running Team per vincere le neoplasie

Per la prima volta è stato costituito anche a Perugia il Pink is Good Running Team di Fondazione Umberto Veronesi, con l’obiettivo di raccogliere fondi a sostegno della ricerca scientifica d’eccellenza contro i tumori femminili e di diffondere una corretta informazione sull’importanza della prevenzione.

Il Perugia Running Team è stato presentato ufficialmente questa mattina a Palazzo dei Priori  da Massimiliano Massaro, Responsabile del progetto e da Maria Possenti Castelli,  Responsabile della delegazione ternana di Fondazione Umberto Veronesi, alla presenza del Sindaco Andrea Romizi, degli assessore Edi Cicchi e Dramane Wagué e della consigliera delegata allo Sport Clara Pastorelli.

Le Pink runner perugine -Delia, Deborah, Francesca, Maria Luisa, Pia e Silvia- dallo scorso gennaio hanno avviato un percorso di allenamento allo Stadio Santa Giuliana, per correre la mezza maratona, sotto la guida esperta di Salvatore Turco, coach Fidal, della biologa nutrizionista e divulgatrice scientifica di Fondazione Umberto Veronesi Melissa Finali e di Paolo Guiddi, PhD psicologo Divisione di Psiconcologia Istituto Europeo di Oncologia. Saranno loro, dunque, le ambasciatrici dei corretti stili di vita che il progetto intende promuovere al fine della prevenzione contro i tumori femminili, ma anche dell’importanza della ricerca scientifica per lo studio e la cura di queste patologie.

E’ scientificamente provato, del resto che lo sport, se da un lato è utile per prevenire patologie oncologiche, dall’altro aiuta anche una volta ammalati di cancro, durante e dopo le terapie, favorendo una maggiore qualità della vita, riducendo il rischio di recidiva e di mortalità.

Pink is Good –come ha sottolineato Massimiliano Massaro – intende essere un’opportunità non solo per le donne che hanno incontrato la malattia, ma per tutte le donne e ci auguriamo che diventi mano a mano un vero movimento nazionale in rosa. Nel 2018 Pink is Good ha raccolto 87mila euro da destinare alla ricerca scientifica, quest’anno l’obiettivo è 100mila euro che andranno a finanziare tre borse di ricerca. Nato a Milano nel 2014 ed estesosi progressivamente a Roma, Torino e Verona, nel 2019 il progetto Pink is Good Running Team di Fondazione Umberto Veronesi arriva, oltre che a Perugia, in altre 7 città italiane (Genova, Bologna, Firenze, Napoli, Catania, Cagliari e Bari).

Grazie alla Fondazione Umberto Veronesi dal 2003 ad oggi sono state finanziate 1576 borse di studio, 116 progetti di ricerca e 167 istituti di ricerca, oltre alla Scuola europea di Medicina molecolare. Proprio il 21 marzo scorso a Milano sono state consegnate 198 borse di ricerca che interessano 32 città italiane e 62 tra centri di ricerca e università. Di queste 198, 42 sono le borse finanziate che riguardano le patologie oncologiche femminili, a cui si rivolge il progetto Pink is Good.

Con lo slogan “Niente ferma il Rosa, niente ferma le donne”, dunque, le sei runner perugine correranno –come appuntamenti ufficiali-  la 6° Lucca Half Marathon il prossimo 5 maggio nella città toscana e la Rome Half Marathon Via Pacis, nella capitale il 22 settembre. Non mancheranno certamente l’appuntamento con la Grifonissima, che si terrà, proprio a Perugia il 12 maggio. In occasione della Mezza maratona di Lucca, peraltro, la Torre degli Sciri sarà illuminata di rosa, a testimoniare la vicinanza della città alle Pink Ambassador in gara.

Il Sindaco Romizi ha tenuto a ringraziare la Fondazione Umberto Veronesi per l’importante attività portata avanti in questi anni a favore della ricerca scientifica e ha ricordato l’importanza del ruolo delle istituzioni pubbliche nel diffondere la cultura della prevenzione, fin dalle scuole. Dello stesso avviso anche gli assessori Wagué e Cicchi, che hanno sottolineato la disponibilità dei loro assessorati per sensibilizzare ancora di più l’opinione pubblica.

Per la consigliera Pastorelli, Pink is Good e la testimonianza delle Pink Ambassador perugine rappresenta un servizio alle donne, ma anche allo sport, dove la presenza femminile è sempre più massiccia e ha un ruolo sempre più significativo nel dare messaggi positivi.

Tra gli eventi in calendario che le Pink Ambassador stanno organizzando per i prossimi mesi, con lo scopo di sensibilizzare la città agli obiettivi di Pink is Good, anche mini corsi sulla sana alimentazione, aperti a tutti, a partire dal prossimo 12 aprile presso il laboratorio di cucina naturale Oltre il Gusto, in collaborazione con la chef Maria Letizia Berruti, la nutrizionista Valeria Spreca e l’azienda perugina L’Oro in bocca. Entro l’estate, quindi, un evento sportivo tra i monumenti cittadini, capace di coniugare benessere, bellezza e cultura.

In Umbria –ha aggiunto Maria Possenti Castelli– Fondazione Umberto Veronesi ha coinvolto oltre 2000 bambini delle scuole nei laboratori sui corretti stili di vita, con una risposta superiore ad altre regioni.

E’ possibile seguire l’esperienza delle sei Pink Ambassador perugine sulla pagina Facebook “Perugia Running Team Pink is Good” e sulla piattaforma di crowfounding www.retedeldono.it, per la raccolta fondi.

Commenta per primo

Rispondi