In Umbria in aumento i ricoverati covid, al 3% il tasso di positività

Dal 16 prenotazioni vaccini anti covid per i bimbi

In Umbria in aumento i ricoverati covid, al 3% il tasso di positività

In Umbria in aumento i ricoverati covid, al 3% il tasso di positività

Sono in aumento i ricoverati Covid negli ospedali dell” Umbria, 55 lunedì 13 dicembre, tre in più rispetto a domenica. Otto, uno in più, i posti occupati in terapia intensiva. Lo riporta il sito della Regione. Nell” ultimo giorno sono emersi 126 nuovi positivi e 75 guariti. Nessuna nuova vittima è stata invece registrata per il virus.

Gli attualmente positivi sono 2.394 (51 in più rispetto a domenica). Sale di molto il tasso di positività, al 3 per cento (era 1,82 lunedì della scorsa settimana). Sono state intanto 5.166 le terze dosi di vaccino somministrate in occasione del vaccine day che si è svolto domenica 12 dicembre, il secondo del mese.

Foto di Bicanski da Pixnio

Raggiunta una copertura del 21,38 per cento della popolazione. Complessivamente dal primo al 12 dicembre in Umbria sono state somministrate 75.357 dosi di vaccino anti-Covid nella popolazione adulta, 8.037 in più rispetto al target stabilito dal commissario nazionale per l” emergenza, ha riferito l” assessore regionale regionale alla Salute, Luca Coletto.

E a partire dal 16 dicembre la Regione aprirà le prenotazioni per la vaccinazione della fascia di età compresa tra i 5 e 11 anni. In Umbria i bambini coinvolti sono 50.100. Di questi 5.200 sono risultati positivi dall” inizio della pandemia, mentre mille attualmente non sono vaccinabili perché positivi o guariti da poco.

“I bambini fragili sono all” incirca 2.000 – ha evidenziato l” assessore Coletto – e proprio questa fascia sarà vaccinata prioritariamente non appena saranno caricati tutti i dati relativi anche all” esenzione e al tipo di problematiche”.

A proposito di bambini fragili, il commissario per la gestione dell” emergenza sanitaria in Umbria, Massimo D” Angelo, ha reso noto che “la Regione ha deciso di inserire nella categoria dei bambini fragili anche quelli che per reddito familiare sono esenti da ticket. Si tratta di una forma di attenzione verso questi bambini, visto che gli aspetti socio-economici rappresentano un fattore determinante di salute.

Infatti, se questi bimbi, che vivono in situazioni di disagio economico e a volte anche sociale, dovessero infettarsi, potrebbero avere più problemi nella gestione della malattia, rispetto ad altri più avvantaggiati”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*