Ecografo di ultima generazione alla Cardiologia ospedale Perugia

Si tratta di uno strumento estremamente sofisticato adeguato anche per bambini

Ecografo di ultima generazione alla Cardiologia ospedale Perugia

Ecografo di ultima generazione alla Cardiologia ospedale Perugia

Ecografo di ultima generazione – Un nuovo ecografo, tecnologicamente avanzato, è stato donato alla Cardiologia dell’Ospedale di Perugia dalla Fondazione Umbra Cuore e Ipertensione Onlus, attiva a Perugia in tema di ricerca cardiovascolare. Si tratta di uno strumento estremamente sofisticato e dotato dei più moderni accessori per esami ecocardiografici, anche pediatrici, sia trans-toracici che trans-esofagei.

Lo strumento è estremamente sofisticato e dotato dei più moderni accessori per esami ecocardiografici nell’adulto e nel bambino. La donazione è stata effettuata dalla Fondazione Umbria Cuore e Ipertensione Onlus. 

‘Lo strumento – spiega il presidente della Fondazione, Paolo Verdecchia – è anche dotato di complessi sistemi di software in grado di ricostruire con precisione e in più dimensioni le immagini cardiache ad alta risoluzione, aspetto molto importante per la pianificazione delle procedure cardiologiche interventistiche e cardiochirurgiche’.

Alla consegna ha preso parte il dottor Claudio Cavallini, direttore della Struttura Complessa di Cardiologia: ‘Il sostegno della Fondazione Umbra Cuore e Ipertensione – sottolinea – continua da molti anni, a vantaggio del nostro Ospedale e soprattutto dei pazienti che vi afferiscono. Il progresso tecnologico in tema di strumentazioni cardiologiche è rapidissimo e la collaborazione con le associazioni di volontariato è molto importante per continuare ad acquisire questo tipo di strumentazioni, valide, ma anche molto costose’.

Il Direttore generale, Giuseppe De Filippis, evidenzia ‘il grande contributo che le associazioni di volontariato possono avere non solo ai fini di preziose donazioni come questa, ma in generale nella sensibilizzazione del cittadino alle varie tematiche di prevenzione e nella comunicazione tra aziende sanitarie e utenza’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*