Covid, Bertolaso, interverremo su ospedali esistenti, no a nuove strutture

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid, Bertolaso, interverremo su strutture esistenti dice consulente Regione

Covid, Bertolaso, interverremo su ospedali esistenti, no a nuove strutture

“Stiamo studiando diverse ipotesi e alternative. Un tecnico che ha lavorato con me nei Covid hospital di Milano e Civitanova Marche in questo momento sta girando l” Umbria proprio per verificare lo stato dell” arte, ma abbiamo individuato già diverse soluzioni e questa è una cosa importante”: a dirlo all” Agenzia nazionale di stampa associata è Guido Bertolaso, chiamato dalla Regione Umbria, in qualità di consulente, a titolo gratuito, per la gestione dell” emergenza sanitaria.

Annunciando che nei prossimi giorni si terrà a Perugia un nuovo vertice proprio per mettere sul tavolo tutte le ipotesi e individuare la strategia definitiva da seguire, l” ex capo della Protezione civile nazionale spiega che in Umbria “non andremo a realizzare delle strutture ex novo come, appunto a Milano e Civitanova, ma a intervenire su strutture già esistenti, magari ampliandole nella disponibilità delle terapie intensive e quindi sarà un lavoro più semplice e rapido”.

Bertolaso specifica che gli interventi verranno eseguiti “soprattutto sugli ospedali esistenti“, ricordando che “c” è anche una gara per quello da campo che va avanti da qualche mese, adesso vediamo come e si conclude”. Inoltre sottolinea il “l” ottimo rapporto stabilito anche con le forze armate che hanno a loro volta un ospedale disponibile”. “Insomma – aggiunge -, ci sono diverse soluzioni”.

Sulla situazione generale trovata in Umbria, l” ex numero uno della Prociv spiega di avere “trovato una giunta regionale molto motivata, attenta al problema e impegnata a cercare di adottare tutte le misure necessarie per gestire e in futuro risolvere i problemi a cui adesso si deve far fronte”. “Posso dire – ha aggiunto – che qui a Perugia ho trovato una grande attenzione e dei tecnici preparati e quindi vi sono tutte le condizioni perché si possa fare un buon lavoro”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*