Una Sacra rappresentazione dell’arrivo dei Re Magi a San Sisto

 
Chiama o scrivi in redazione


Una Sacra rappresentazione dell’arrivo dei Re Magi a San Sisto

«Mi hanno colpito in questi giorni le parole del profeta Isaia: “I tuoi figli verranno da lontano e le tue figlie saranno portate in braccio”, come è accaduto oggi, festa dell’Epifania del Signore, qui a San Sisto, attraverso questa stupenda processione di popolo per la nascita del Messia». Lo ha sottolineato il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti, nel pomeriggio del 6 gennaio, al termine della Sacra rappresentazione dell’arrivo dei Re Magi, tenutasi nella parrocchia di San Sisto, che quest’anno celebra 50 anni della sua istituzione, centro della principale zona industriale di Perugia, organizzata dall’Ufficio diocesano per la pastorale familiare con le famiglie del luogo e con il concreto sostegno dell’associazione territoriale “Il carnevale, i rioni”. Presenti anche il sindaco Andrea Romizi e l’assessore Edi Cicchi.

«Quest’anno si è voluto privilegiare le periferie, i crocicchi delle strade, per annunciare la buona novella della venuta tra gli uomini del Figlio di Dio, il Salvatore del mondo – hanno commentato gli organizzatori –, perché siamo sempre più una Chiesa in uscita, come ci esorta ad essere papa Francesco».

La Sacra rappresentazione, seguita da alcune migliaia di famiglie (molti i genitori con le loro piccole creature in carrozzina), è iniziata proprio per le vie di San Sisto, coinvolgendo la comunità civile e religiosa locale, con il mettere in scena l’arrivo dei tre Magi da Erode sul piazzale antistante la Biblioteca comunale, per poi terminare con quella dell’adorazione del Bambino Gesù sul sagrato della chiesa parrocchiale della Santa Famiglia di Nazareth.

Il tutto in impeccabili costumi d’epoca indossati da una settantina di figuranti con al seguito cammelli, cavalli, pecore e agnellini…, scene da presepe vivente e, nel contempo, itinerante, per le vie e le piazze di San Sisto.

«Quanto mi sono commosso nel contemplare la profezia di Isaia nel vedere tanti bambini, i più piccoli in braccio e gli altri accompagnati per mano – ha proseguito il cardinale Bassetti –. Questa bellissima manifestazione di famiglie onora la Chiesa, onora la nostra società, che è un segno anche pubblico della nostra fede, perché Gesù Cristo si è incarnato ed è venuto nel mondo.

Anche noi, come i Magi, siamo qui per adorare Gesù e per offrirgli i nostri doni, il profumo, l’incenso della nostra preghiera. Vogliamo offrirgli anche le nostre sofferenze, perché non c’è nessuna casa, non c’è nessuna famiglia in cui non ci sia una croce da portare. Ma con Gesù si può portare qualsiasi croce e, soprattutto, vogliamo offrirgli l’oro della nostra preghiera. Grazie Signore perché sei nato, grazie perché sei venuto in mezzo a noi, grazie perché sei la Luce, l’unica Luce di questa nostra società e noi ti accogliamo e crediamo in te!»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*