Terni, Monsignor Soddu: “sono nato povero e con i poveri devo restare”

Terni, Monsignor Soddu: "sono nato povero e con i poveri devo restare"
Don Francesco Soddu

Terni, Monsignor Soddu: “sono nato povero e con i poveri devo restare”

“Non si può parlare dei poveri se non si sta con i poveri. Non si può capire la storia se non la si vede con gli occhi dei poveri. Un giorno mentre rientravo da un campo nomadi ho incontrato mia madre e le ho detto: “Sto rientrando dal campo dei nomadi e sto veramente bene” e lei mi ha risposto: “Non vedo come tu possa stare bene se non con i poveri”. Sono nato povero e con i poveri devo rimanere, gustando con loro il sapore della vita”.


Fonte Ufficio Stampa
Istess


A parlare è monsignor Francesco Soddu, fino ad oggi direttore nazionale della Caritas e dal 5 gennaio vescovo di Terni Narni Amelia, nell’intervista rilasciata ad “Adesso”, la rivista dell’Istess, in occasione dell’ordinazione.

“Che cosa ho capito della diocesi di Terni? Non lo so, ma una cosa l’ho capita: sento già di amarla e non vedo l’ora di iniziare! E un’altra ce l’ho chiara, e cioè che non intendo lavorare da solo”.

Il numero di “Adesso” dedicato all’avvicendamento in Diocesi è ormai una tradizione che risale al 2000, quando – su richiesta dell’allora vescovo uscente Franco Gualdrini – fu realizzato uno speciale dedicato al nuovo vescovo Vincenzo Paglia, distribuito all’ingresso solenne in Diocesi. Analogamente, nel 2014 fu realizzato un numero interamente dedicato all’arrivo di padre Giuseppe Piemontese, allora custode del santuario di San Giuseppe da Copertino.

Il numero, realizzato in collaborazione con la Commissione diocesana per i problemi sociali e del lavoro, la giustizia e la pace, contiene – tra l’altro – gli interventi del vescovo Giuseppe Piemontese, dei tre sindaci della Diocesi Laura Pernazza (Amelia), Leonardo Latini (Terni) e Francesco De Rebotti (Narni), del consigliere comunale di Vacone Gianpaolo Pinna, del direttore della Caritas diocesana Stefano Tondelli, del presidente della Commissione diocesana per il lavoro Ermanno Ventura e del presidente dell’associazione San Martino Francesco Venturini, oltre che una riflessione della teologa Lilia Sebastiani sulla parola “Carità” e un profilo di don Tonino Bello (vescovo di Molfetta, di cui si è aperto il processo di canonizzazione) curato da don Ciro Miele, amico di don Tonino ed ex direttore di “Adesso”, ma anche una storia dell’Istess, l’Istituto culturale della Diocesi che ha anch’esso cambiato recentemente  la direzione.

La rivista sarà distribuita gratuitamente nel corso della celebrazione del 5 gennaio in Cattedrale ed è già disponibile presso il Cenacolo San Marco e alcune parrocchie della diocesi, oltre che – in pdf – sul sito www.istess.it.

Nell’intervista (pubblicata anche in versione video) monsignor Soddu, che è stato già a Terni il 16 novembre e ha pranzato alla mensa della Caritas – racconta le origini della sua vocazione sacerdotale, il rapporto con il santo di cui porta il nome e con il papa che per la prima volta nella storia della Chiesa lo ha scelto, ma anche la sua esperienza di sedici anni alla Caritas (prima come direttore diocesano e dal 2012 nazionale) che lo ha portato a Terni proprio all’inizio del suo mandato, accolto dalle proteste dei residenti di via Vollusiano, convinti che il centro Caritas avrebbe portato degrado.

“Ricordo che raccomandai di non essere scoraggiati o scandalizzati, perché la storia della Caritas ci insegna che tutte le opere più importanti nascono con una grande criticità per poi diventare – con il tempo – dei fiori all’occhiello, e i fatti mi hanno dato ragione».

La rivista “Adesso” è stata fondata a Terni nel 1999, riprendendo la storica testata (oltre che lo spirito e alcuni collaboratori) di don Primo Mazzolari. Dal 2005 è la rivista ufficiale del Terni Film Festival e nel 2021 è rientrata nel progetto Istess Media.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*