Terremoto 2016, Pd Umbria dimentica di essere stato al governo della regione


Scrivi in redazione

Norcia, audizione speciale sul Sisma 2016, ricostruzione ferma

Terremoto 2016, Pd Umbria dimentica di essere stato al governo della regione

“Reputiamo paradossale l’intervento del PD umbro che ‘denunciando’ i ritardi nella ricostruzione post sisma 2016 ‘dimentica’ di essere stato al governo della Regione fino a pochi mesi fa”. Così il capogruppo Stefano Pastorelli che interviene anche a nome dei colleghi consiglieri della Lega Umbria. “La convocazione della Seconda commissione regionale a Norcia – si precisa nella nota – ha rappresentato un’occasione di contatto diretto con il territorio e di confronto con sindaci, associazioni, realtà che oggi non parlano di appartenenza politica, ma di voglia di reagire, di progetti e proposte, di legami con questa meravigliosa terra che è la Valnerina e di voglia di migliorare lo stato delle cose.

Per tale motivo la polemica scatenata dal Partito Democratico ci appare irrispettosa del contesto e del clima creato”. “In primo luogo – sostengono i consiglieri leghisti – non deve essere prerogativa della sinistra indicare al nuovo governo regionale le linee di azione in tema di ricostruzione, considerando le responsabilità evidenti di chi ha amministrato l’Umbria nel periodo post sisma.

Questi capziosi vuoti di memoria – aggiungono – ci ricordano quanto sta accadendo sul versante sanità: gli scandali e le inchieste del recente passato che hanno decapitato i vertici del partito relegando il PD tra i banchi dell’opposizione, dovrebbero spingere Paparelli e compagni a una fattiva collaborazione con le forze di maggioranza. Invece anche in questo caso le proposte serie che ci attendevamo lasciano spazio a continue e futili polemiche scatenate contro l’assessore Coletto, il quale con grande professionalità sta cercando di rimediare ai disastri della sinistra, ottenendo già i primi importanti risultati”.

Nella nota a firma dell’intero gruppo “Lega Umbria”, Pastorelli rileva infine che “Le polemiche prodotte ad arte sul tema della gestione post terremoto sono paradossali. Il PD lamenta ‘ritardi nella tempistica della ricostruzione’, l’‘eccessiva burocratizzazione’ e la ‘carenza di personale per gli uffici’: un goffo tentativo di scaricare le responsabilità su qualcun altro che si traduce in una palese ammissione di colpa. In pratica la sinistra punta il dito contro chi ha governato la Regione in quella fase: cioè loro stessi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*