Simone Pillon, se questa non è una legge liberticida, cosa sarebbe?

 
Chiama o scrivi in redazione


Simone Pillon, se questa non è una legge liberticida, cosa sarebbe?
Simone Pillon

Simone Pillon, se questa non è una legge liberticida, cosa sarebbe?

di Simone Pillon
Zan mente pur di difendere la sua pessima proposta. Con l’omofobia i genitori non potranno rifiutare una baby sitter transgender, o la propaganda delle drag queen nelle scuole dei loro figli, finanziata con milioni di euro di denaro pubblico. Nessuno potrà opporsi all’utero in affitto. Sarà considerata discriminazione opporsi al matrimonio o all’adozione gay. Chiunque dica che i bambini sono maschi o che le bambine sono femmine sarà processato.

Simone Pillon
Nato a Brescia, vive a Corciano (Perugia); è sposato e ha tre figli.[1] Dopo gli studi classici presso il Liceo-Ginnasio “Arnaldo” di Brescia, si è laureato a pieni voti in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Parma. Nel 1997 ha svolto il servizio militare negli Alpini. Ha insegnato diritto ed economia presso il liceo “Canossa” e ha conseguito l’abilitazione alla professione forense nel 2000.[1] Avvocato cassazionista dal 2013, nello stesso anno ha completato il master breve in mediazione familiare e ha completato la sua formazione in diritto anglosassone presso la City University di Londra nell’ambito di un corso di formazione del Consiglio Nazionale Forense. Fervente cattolico e membro del Cammino neocatecumenale[2], è attivo fin da giovanissimo anche nel mondo sociale; è stato consigliere nazionale del Forum delle associazioni familiari fino al 2015 ed è stato membro della commissione adozioni internazionali presso la Presidenza del consiglio dei ministri fino al 2016 nonché direttore del consultorio familiare “La Dimora” di Perugia. È tra gli organizzatori dei tre “Family Day” del 2007, del 2015 e del 2016. Dal 2015 al 2018 ha fatto parte del direttivo della Fondazione Novae terrae.[3] Nella sua attività di avvocato segue prevalentemente il diritto penale e il diritto di famiglia
.

I colpevoli dovranno essere rieducati prestando lavoro gratis per le associazioni LGBT. Nel testo finale è infine rimasto il riferimento alla legge 205/93 e dunque i presunti omofobi subiranno anche il ritiro di patente, passaporto, licenza di caccia e avranno il divieto di propaganda politica per almeno tre anni. Se questa non è una legge liberticida, cosa sarebbe?

Questo è il concetto di libertà di Zan Scalfarotto Boldrini e compagni.
Le persone sono già ampiamente tutelate in tutte le loro espressioni, senza bisogno di questa legge vergognosa.
Saremo in piazza con le associazioni familiari il prossimo 11 luglio per manifestare a difesa della libertà.” Così il sen. Simone Pillon


Ecco la legge contro l’omofobia che spaventa i vescovi. Il rischio di “deriva liberticida” non c’è

La Cei si è scagliata contro il ddl Zan perché limiterebbe la libertà critica ai gruppi anti-Lgbt. Eppure il testo, che L’Espresso ha letto in anteprima e che pubblica, esclude il reato di propaganda di idee. In sintesi le persone Lgbt diventano soggetti vulnerabili. Ma si potrà persino dire liberamente che sono malate

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*