Fondazione Pietro Conti, Pci, Pds e Ds, un patrimonio da conservare

 
Chiama o scrivi in redazione


Fondazione Pietro Conti, Pci, Pds e Ds, un patrimonio da conservare
fabrizio bracco

da Fabrizio Bracco
Fondazione Pietro Conti, Pci, Pds e Ds, un patrimonio da conservare
La Fondazione dei Ds Dell’Umbria “Pietro Conti” ha come finalità la valorizzazione e la conservazione del patrimonio accumulato nel tempo dal Pci/Pds/Ds. Patrimonio materiale e soprattutto immateriale, fatto di valori, di tradizioni, di storie ancora capaci, nella loro essenza fondamentale, di alimentare progetti e prospettive future della Sinistra umbra del XXI secolo.

Per questo riteniamo di dover partecipare con il nostro contributo al travaglio del mondo di cui facciamo parte, interrogandoci sulle trasformazioni profonde che hanno cambiato il nostro paese e su come la Sinistra ha cercato di affrontarle.

Oltre la drammatica sconfitta del 4 marzo ciò che più sconcerta è l’assenza di analisi

Oltre la drammatica sconfitta del 4 marzo ciò che più sconcerta è l’assenza di analisi, riflessioni e dibattiti sul perché tutto ciò sia svenuto. Come è già capitato dopo gli insuccessi alle amministrative e ancor di più dopo l’esito del referendum costituzionale, sembra che si voglia passare “oltre” , magari inventandosi un’altra prospettiva senza cercare di capire ciò che è successo.

LEGGI ANCHE: PD, tra nuovi e vecchi, no casta, far tornare il partito tra la gente FOTO

Come è possibile ricostruire un progetto e un soggetto politico senza una lettura critica del presente e del recente passato? Come Fondazione iniziamo lunedì 7 maggio a Perugia alla sala Brugnoli con un incontro – alle 16,30 – su “Crisi e prospettive della Sinistra nell’ Umbria che cambia”, che sarà introdotto da Roberto Weber, Bruno Bracalente e Marco Damiani.

Il fine è contribuire a partire dalla nostra regione a sollecitare una approfondita discussione per capire come rilanciare una prospettiva e un progetto per la Sinistra di cui sentiamo tutta la necessità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*