Elezioni politiche, in Umbria Fratelli d’Italia al 30 per cento, i candidati eletti

Elezioni Politiche, Fratelli d'Italia oltre il 30 per cento in Umbria, Pd al 22 e M5S al 12, crolla Lega

Elezioni politiche, in Umbria Fratelli d’Italia al 30 per cento, i candidati eletti

E’ il centrodestra a vincere le elezioni politiche in Italia. La coalizione, trainata da Fratelli d’Italia, prende il 44% sia alla Camera che al Senato. Il primo partito è proprio quello di Giorgia Meloni, che vola al 26,35% alla Camera e il 26,32% al Senato. Anche in Umbria viene confermato il trend registrato in Italia. Nel cuore verde, la coalizione prende il 45,82% alla Camera e il 45,59% al Senato. In Umbria alla Camera Fratelli d’Italia da sola ottiene il 30,82, la coalizione di centrodestra il 45,82 per cento. Al Senato la coalizione ottiene il 45,78 per cento, mentre il solo partito ha raggiunto il 45,82 per cento.

Gli eletti in Umbria saranno 9 e non più 16 come l’ultima volta. Al Senato è ormai certa la rielezione del coordinatore umbro di Fratelli d’Italia Franco Zaffini; alla Camera, nel collegio uno incentrato sulla provincia di Terni, si conferma Raffaele Nevi, deputato uscente di Forza Italia, con la coalizione che ottiene intorno al 47 per cento dei consensi; e sempre alla Camera è netta la vittoria del segretario della Lega Virginio Caparvi che con la coalizione di centrodestra è stato eletto con il 44,7 per cento (dato definitivo) nel collegio due che fa perno sulla provincia di Perugia.

Per quanto riguarda il plurinominale, dentro i dem Anna Ascani e Walter Verini, il M5S conferma Emma Pavanelli, FdI conferma Emanuele Prisco alla Camera e l’ex ministro Antonio Guidi. Dovrebbe farcela Marco Squarta dato che in Umbria era stata candidata la toscana Chiara La Porta. La Lega si ritroverebbe con un solo parlamentare.

Crolla la Lega che ottiene circa l’8 per cento al Senato (era al 20,28) e sfiora questa quota alla Camera (20,16). E lo stesso fa Forza Italia, a circa il 7 per cento tra Senato e Camera mentre quattro anni fa era intorno all’11. Perde consensi anche il Pd che arriva a circa il 21,5 al Senato (dal 25,48 delle precedenti elezioni) e a poco più del 20 per cento alla Camera (dal 24,81). Non sfonda il terzo polo di Calenda e Renzi, intorno al 7-8 per cento, e va poco sopra il 12 per cento il M5s, in picchiata rispetto al 27 che aveva.

Questo potrebbe cambiare il quadro nella giunta regionale con un boom di FdI che dal 4,9% passa al 30% e un crollo della Lega che esce più che dimezzata, passando dal 20% all’8%. Forza Italia scende dall’11,6% al 7,2%. Invariati gli assetti del centro sinistra.

Spoglio Camera, definitivo

Questi i risultati dello spoglio del voto per la Camera in Umbria con 1.004 seggi su 1.004: Fratelli d’Italia 30,82%, Lega 7,75%, Forza Italia 6,83%, Noi Moderati 0,41% – Partito Democratico 20,89%, Alleanza Verdi-Sinistra 3,54%, +Europa 2,10%, Impegno Civico Luigi Di Maio 0,37% – Movimento 5 Stelle 12,66% – Azione/Italia Viva 8,17% – ItalExit 1,81% – Partito Comunista Italiano 1,38% – Italiana Sovrana e Popolare 1,37% – Unione Popolare 1,25% – Vita 0,58% – Mastella Noi di Centro 0,06%.

Spoglio Senato, definitivo

Questi i risultati dello spoglio del voto per il Senato in Umbria con 1.004 seggi su 1.004: Fratelli d’Italia 30,21%, Lega 7,94%, Forza Italia 7,18%, Noi Moderati 0,46% – Partito Democratico 21,54%, Alleanza Verdi-Sinistra 3,49%, +Europa 2,09%, Impegno Civico Luigi Di Maio 0,43% – Movimento 5 Stelle 12,66% – Azione/Italia Viva 8,05% – ItalExit 1,79% – Italia Sovrana e Popolare 1,23% – Partito Comunista Italiano 1,19% – Unione Popolare 1,16% – Vita 0,58%.


Vince Fratelli d’Italia e centrodestra, Zaffini: “Sta accadendo qualcosa di epocale” PODCAST

Vince Fratelli d’Italia, Squarta: “Un risultato storico per il centrodestra” PODCAST

1 Commento

  1. Dopo la felice notizia della vittoria di FdI ne è arrivata una brutta dal PD. Infatti, Letta ha annunciato di indire il Congresso del Partito, ma che lui non si presenterà come candidato alla guida del Partito. A questo punto viene spontaneo chiedersi : chi sarà in grado di dare un contributo significativo alla vittoria di FdI in occasione delle prossime consultazioni elettorali? Letta, rimanga Segretario del PD, nessun altro sarebbe capace di fare una campagna elettorale come quella che ha fatto lei a favore dell’On. Meloni.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*