Decreto emergenze, Lucidi (M5S), bene esclusione governatori PD

Decreto emergenze, Lucidi (M5S), bene esclusione governatori PD

Decreto emergenze sisma Centro Italia, Lucidi (M5S): bene esclusione dei governatori targati PD. È tempo di passare dall’autorità all’autorevolezza

Roma, 19 ottobre 2018 – Accolgo con estremo favore l’approvazione dell’emendamento al decreto emergenze sul sisma che ha colpito il Centro Italia, che, relega al ruolo di parere consultivo sul tema quello dei governatori delle 4 Regioni del centro Italia – Catiuscia Marini Umbria, Nicola Zingaretti Lazio, Luca Ceriscioli Marche e Giovanni Lolli per l’Abruzzo.

Da mesi sostengo ed ho promosso, questa azione fondamentale, quella di esautorare il Partito Democratico dal ruolo di gestore dei miliardi della ricostruzione, ultimo baluardo e tassello di radicamento politico rimasto a questi politici. Sono passati due anni dal tragico avvenimento del terremoto e la piramide politica del PD si sta sgretolando, il commissario era un parlamentare PD e i 4 sub-commissari sempre targati PD, personaggi che nel corso degli anni non si capisce bene cosa abbiano fatto nel merito.



È stato di fatto importato un modello di gestione del terremoto, quello emiliano, che mal si è adattato alle caratteristiche del Centro Italia e loro non se ne sono accorti. Una valanga di ordinanze incomprensibili a volte anche agli stessi operatori tecnici costretti a ricostruire il filo tecnico giuridico ad ogni progettazione. La ricostruzione è ferma, la gente è insoddisfatta e i nostri territori si stanno spopolando, senza dimenticare le procure che indagano, un bilancio assolutamente fallimentare quello della gestione del terremoto a targa PD.

Parole vane, in particolare, quella della Governatrice della Regione Umbria che, fate attenzione, reclama la perdita di autorità ma non si rende conto che al tavolo della ricostruzione se Ella dirà o farà delle proposte concrete e sagge verranno certo ben accolte è arrivato il momento di passare dalla vana autorità alla pragmatica autorevolezza, questo ci chiedono i cittadini.

Stefano Lucidi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*