Commissioni permanenti Consiliari, Tamburi, tutti i nodi prima o poi tornano al pettine

Commissioni permanenti Consiliari, Tamburi, tutti i nodi prima o poi tornano al pettine

da Giampiero Tamburi (Perugia: Social City)
Commissioni permanenti Consiliari, Tamburi, tutti i nodi prima o poi tornano al pettine Tutti i nodi prima o poi tornano al pettine e se non ci tornano da soli ce li facciamo tornare noi! Come, per esempio, il problema delle Commissioni permanenti Consiliari: la loro chiarezza e trasparenza!

E l’obbiettivo era e resta la diretta streaming per le sedute delle Commissioni permanenti. Vi ricordate? 2016! Apparsa e scomparsa, nell’indifferenza più totale dei media, come un fantasma in una notte di luna piena, una proposta che, se accettata, avrebbe cambiato il volto della politica in Comune!

La trasparenza, con lo streaming in diretta, durante le riunioni delle Commissioni permanenti, cambierebbe in modo radicale il rapporto politico-amministrativo tra l’Istituto comunale ed il cittadino.

Per questo è assurdo abbandonare quella proposta fatta, a suo tempo, in Consiglio comunale, la quale è assolutamente indispensabile tornarci sopra e dargli un seguito, insistendo perché venga presa in seria considerazione dal resto dell’opposizione (PD e Socialisti Riformisti; gruppi politici che a suo tempo votarono per la sua non realizzazione) e dalla maggioranza che votò per il no.

Al contrario delle sedute del Consiglio, dove viene solamente ratificato ed approvato o meno, quello che, precedentemente è stato discusso, deciso e votato nelle Commissioni, di fatto, nelle stesse, nasce la politica che vedrà o meno ed in quale modo, la soluzione dei problemi della città.

Non che l’idea sia nuovissima (si veda a tal proposito, già realizzata nel Comune di Siracusa e di Palermo; tanto per fare due dei numerosi esempi in Italia) ma sempre degna e necessaria applicarla anche da noi.

È talmente importante questo aspetto della trasparenza democratica che noi di “Perugia: Social City” vogliamo andare oltre, proponendo che le riprese, in diretta, poi messe in archivio e consultabili da tutti, delle sedute delle Commissioni, vengano effettuate anche su quelle della Regione.

La necessità di trasparenza bisogna metterla in atto ed esprimerla su tutti gli Istituti pubblici che riguardano la politica della nostra Regione. Quindi, il gruppo del M5S (proponente nel 2014), per essere coerente con se stesso, sia in Comune quanto in Regione, si attivino di nuovo per ridare corpo a questo importantissimo momento democratico.

Lasciarla cadere nel “dimenticatoio” sarebbe proprio uno schiaffo politico alla cittadinanza e questo atteggiamento, o dichiarando il proprio “no”, lascerebbe presupporre una direzione poco chiara, nelle forze politiche della maggioranza ed in quelle dell’opposizione, non a favore. Tutti i partiti (tanto di destra quanto di sinistra) dovrebbero farne un motivo del loro programma elettorale nella futura tornata del 2019, dimostrando, con ciò, che qualcosa cambia nel modo di rapportarsi con i propri cittadini.

Euronews Live

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*