CasaPound, arresti eccellenti in sanità, si sgretolano 70 anni di malgoverno

CasaPound, arrestati eccellenti in sanità, si sgretolano 70 anni di malgoverno
Antonio Ribecco

CasaPound, arresti eccellenti in sanità, si sgretolano 70 anni di malgoverno

CasaPound: “Arresto Bocci e Barberini e perquisizione Marini: si sgretolano 70 anni di malgoverno della sinistra umbra, doverose le dimissioni dell’intera Giunta” . “L’arresto dell’assessore regionale alla Sanità Luca Barberini e del segretario del PD Giampiero Bocci, attualmente ai domiciliari  unitamente alla perquisizione degli uffici del Governatore Catiuscia Marini, restituiscono l’immagine plastica di un ininterrotto esercizio clientelare del potere della sinistra in Umbria dal dopoguerra ad oggi. Un sistema incancrenito e fondato su una fitta rete di privilegi, concessioni, abusi, che oggi sembra finalmente sgretolarsi sotto il peso delle indagini della magistratura ma anche, va detto, da un malcontento ormai pesante e diffuso da parte dei cittadini”.
Così in una nota Antonio Ribecco, coordinatore regionale di CasaPound, a commento degli sviluppi delle indagini della procura di Perugia che ha visto coinvolti i massimi vertici del Partito Democratico.
“Si tratta di accuse gravissime – prosegue Ribecco – che integrerebbero i reati di abuso d’ufficio, rivelazione del segreto d’ufficio, favoreggiamento e falso in merito ad un concorso per assunzioni in ambito sanitario che sarebbe stato truccato. Insomma, ci troveremmo di fronte a un reato strettamente legato ciò che da tempo era già chiaro a tutti e da anni denunciamo: l’intervento sistematico del sistema di potere della sinistra umbra su ogni aspetto della gestione della cose pubblica nella nostra regione, al fine di preservare perpetuare all’infinito il sistema stesso”.
Fermo restando il rispetto per le doverose indagini e accertamenti della Giustizia, appare evidente come l’Umbria non possa attendere i tempi giustamente ponderati della magistratura. Di fronte ad accuse di questo tipo – conclude il coordinatore di CasaPound – riteniamo doveroso che già da oggi il presidente Marini e la sua giunta rassegnino le loro dimissioni permettendo alla nostra Regione di poter andare al più presto al voto”.

Commenta per primo

Rispondi