Cancellazione voli Cobrex, Leonelli, è danno a immagine Umbria

Leonelli (Pd) torna sulla vicenda dello svincolo di Scopoli
Leonelli (Pd) torna sulla vicenda dello svincolo di Scopoli

Cancellazione voli Cobrex, Leonelli, è danno a immagine Umbria “La preoccupazione maggiore nell’apprendere la cancellazione da parte della compagnia Cobrex dei voli verso Bucarest e Barcellona, per non meglio specificate ragioni operative, non preoccupa tanto per il danno in termini di minor traffico per l’Aeroporto Internazionale ‘San Francesco di Assisi’, quanto per il danno di immagine che potrebbe causare al nostro scalo regionale”. Così, in una nota, il consigliere regionale Giacomo Leonelli (Partito democratico).

“Dopo l’affaire Fly Volare, che lo scorso anno ha già causato qualche problema di immagine allo scalo di Sant’Egidio – prosegue Leonelli – tutto era auspicabile tranne che si aggiungesse questo ulteriore disagio per i passeggeri ed i turisti che guardano all’Umbria come una meta ambita.

Sebbene ancora siano da chiarire i termini del problema che ha indotto Cobrex a questa cancellazione – commenta il consigliere della maggioranza -, e confidando nel fatto che tutti coloro che hanno acquistato biglietti vengano risarciti, occorre che la Giunta regionale convochi quanto prima i vertici di Sase, la società che gestisce l’Aeroporto, informando fin da subito la Commissione consiliare competente”.

LEGGI ANCHE: Clamoroso, Cobrex Trans cancella voli aerei da e per Perugia

“Una regione che dopo il terremoto sta ripartendo – aggiunge Leonelli – non può permettersi tali criticità su un aeroporto che è un vettore essenziale per lo sviluppo di turismo e imprese e che vive nella competizione con gli altri del centro Italia. L’immagine di un aeroporto dal traffico ‘incerto’ – spiega – rischia inoltre di vanificare gli sforzi fatti sull’azzeramento dei debiti e su nuove rotte importanti come quella di Francoforte.

Per questo – conclude – ritengo doveroso che la Presidente della Giunta regionale, Catiuscia Marini assuma tutte le iniziative del caso, anche le più radicali, per assicurare un necessario cambio di passo e la tutela dell’interesse della nostra regione”.

Commenta per primo

Rispondi