Commemorazione di Spitella, Camicia, sindaco cerca di boicottarla

Commemorazione di Spitella, Camicia, sindaco cerca di boicottarla
carmine camicia

Commemorazione di Spitella, Camicia, sindaco cerca di boicottarla. “Perugia non merita un sindaco che arriva sempre secondo e che continua a copiare le iniziative del sottoscritto”. A dirlo il consigliere comunale e vicepresidente della commissione toponomastica, Carmine Camicia, riguardo l’intitolazione della piazza a Giorgio Spitella. “Il sindaco voleva già bloccare le mie proposte di nominare le due sale di Palazzo dei Priori ai giudici Falcone e Borsellino e all’agente Emanuela Loi e la rotatoria davanti la questura di Perugia alle vittime di via D’Amelio – ricorda Camicia –.

Lo stesso sindaco ostacolò la mia prima proposta di intitolare una piazza al senatore Spitella in via Settevalli, proposta reiterata dal sottoscritto e approvata grazie all’assenza delle opposizioni che sostenevano il pensiero di Andrea Romizi, che ora vorrebbe boicottare la mia iniziativa di commemorazione di Spitella, che si terrà sabato presso la piazza che porta il suo nome ed intitolata dal sottoscritto”.

LEGGI ANCHE: Carmine Camicia lascia il centrodestra, il Partito socialista torna in comune

“Questo è l’inquilino di Palazzo dei Priori – conclude il vicepresidente Camicia –, che per timore che continui il processo rinnovativo intrapreso nella commissione toponomastica, è riuscito a bloccare l’attività della stessa da circa un anno. Un sindaco che non rispetta le più elementari norme istituzionali non può continuare a governare una città come il capoluogo umbro.

Si conferma che l’iniziativa di commemorazione, in programma sabato 14 luglio, alle ore 11, alla quale parteciperanno in tanti, anche la figlia del senatore, si terrà nonostante il vano invito sia al sindaco che al suo fedelissimo assessore”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*