Sagra della Porchetta, a Costano i Cugini di Campagna aprono la 46esima edizione

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sagra della Porchetta, a Costano i Cugini di Campagna aprono la 46esima edizione

«Sì, era la prima volta che venivo alla Sagra della Porchetta di Costano e mi ha colpito molto l’accuratezza della organizzazione e la bellezza del luogo. Una iniziativa che va ben oltre le mere finalità di una simpatica sagra, ma che ha anche dei benefici effetti sociali». Sono le parole del Procuratore Generale, Fausto Cardella che, insieme alla sua compagna, dottoressa Sandra Palcidi, responsabile portale turismo della Regione Umbria, ha fatto tappa, per cena, alla Sagra della Porchetta di Costano. Volto noto in tutta Italia, la sua presenza non è certo sfuggita al presidente Simone Bordichini, e al suo staff. Ieri sera, nonostante il diluvio del pomeriggio, la Sagra della Porchetta di Costano – sfidando le intemperie – ha confermato tutto il programma. Con il ritardo comprensibile dovuto al maltempo e che ha imposto agli organizzatori un impegno ulteriore per togliere acqua e asciugare tutto, si è, però provveduto ad aprire cucina, la taverna, l’angolo del ghiottone e a predisporre per il concerto dei “Cugini di Campagna”. Simpatico siparietto è stato proposto proprio dal gruppo romano di musica pop quando, al termine di una intervista televisiva, hanno eseguito qualche battuta del loro cavallo di battaglia “Anima mia”, cantando “a cappella”, senza l’utilizzo di alcuno strumento musicale.
Subito dopo via sul palco, ad attenderli, nonostante il maltempo, centinaia di persone che nel frattempo, complice il sensibile miglioramento del tempo, erano arrivati all’area della festa.
«La nostra avventura inizia tanto tempo fa – hanno detto i Cugini di Campagna -, quando papà Dante decise di spedire Ivano al coro della Cappella Sistina sotto la direzione di monsignor Bartolucci, per dissuaderlo dalla tentazione di pescare continuamente gli spicci di Fontana di Trevi con la calamita. Formatosi direttore d’orchestra 19 anni raccoglie la proposta del gemello Silvano di fondare un gruppo, ed ecco nascere “Il ballo di Peppe”, brano scritto da Giancarlo Guardabassi e Fabio Germani, figlio di Ferdinando organista personale di Papa Giovanni XXIII. Il Ballo di Peppe fu la storica sigla di “Alto gradimento” il programma cult di Gianni Boncompagni e Renzo Arbore che, in quegli anni, tanta compagnia fece agli italiani sintonizzati all’ora di pranzo».
Neanche a dirlo che Anima Mia, cantata nel mondo anche da Frank Sinatra, da Dalida e da Claudio Baglioni, sia stato il brano mattatore della serata. Hanno cominciato, come detto, intitolandola a cappella mentre erano con i giornalisti per poi continuare dal palco e con la collaborazione del pubblico.
Anima Mia è una vecchia e fascinosa canzone d’amore. E’ una serenata dedicata a un amore finito, ma si presta benissimo anche alle coppie che si sono ritrovate.
È la storia di una persona che attende il ritorno del suo grande amore. A volte dopo una rottura, è difficile mettersi il cuore in pace e andare avanti per la propria strada.  E, come scriveva Valentina  Morosini su “PourFemme” nel 2012: «Alcune vite sono come sospese, nella speranza che l’amato possa tornare».
E per chi pensava che il repertorio dei Cugini di Campagna finisse poco dopo Anima Mia si sbagliava di grosso. Il gruppo ha suonato per circa due ore, travolgendo e travolto da un pubblico – sempre eccezionale alla Sagra della Porchetta di Costano – che non li voleva lasciar andar via.
La Sagra della Porchetta di Costano continuerà per tutta la settimana, fino all’1 settembre. Domenica sera si esibirà Manuel Malanotte e lunedì Castellina Pasi. Musica, canzoni, balli e tanta disco all’aperto come quella che c’è al Garden Side tutte le sere e in concomitanza con la sagra. Tutte le sere a partire dalle 22. Non solo musica però, la regina della festa è la porchetta che fa da apripista a tutta la manifestazione.
Sarà possibile mangiare la porchetta in “bellavista”, con pecorino fresco, olive, salame e torta al testo o all’interno di un semplice panino. Oppure le tante le pietanze della taverna, come gli squisiti gnocchi del porchettaio, il crostino o il classico Pig Burger. Anche quest’anno ci sarà lo stinco di maiale al forno con patate. Ottima musica e buonissimo cibo, senza dimenticare le dolcissime crêpe o altri dolci all’Angolo del Ghiottone, le buone birre e vini alla spina, insieme alle classiche bevande. Non resta che prenotare le vostre serate alla Sagra della Porchetta di Costano, dal 23 agosto all’1 settembre 2019.

Commenta per primo

Rispondi