E’ subito super caldo in Italia, l’estate è cominciata, ma quanto durerà?

 
Chiama o scrivi in redazione


E' subito super caldo in Italia, l'estate è cominciata, ma quanto durerà?

E’ subito super caldo in Italia, l’estate è cominciata, ma quanto durerà?

Le correnti più fresche e instabili abbandonano il nostro Paese

Le correnti più fresche e instabili provenienti dai quadranti orientali e più precisamente dalla Penisola balcanica che nei passati giorni sono stati spesso causa di maltempo prima sulle regioni settentrionali, poi lungo la dorsale appenninica e zone interne delle regioni centrali e, successivamente, nella giornata di ieri sulle regioni meridionali, stanno ora abbandonando il nostro Paese sospinte da un robusto promontorio anticiclonico in arrivo dai quadranti sudoccidentali. Gli effetti di tale promontorio anticiclonico sono già piuttosto evidenti nella giornata odierna, con cieli in prevalenza soleggiati e bel tempo generale.

Picchi termici diffusamente oltre i +30°C

La rimonta anticiclonica di origine afroazzorriana che sta momentaneamente interessando buona parte del Paese sta portando già diffusamente i primi picchi di temperatura diffusamente oltre i +30°C soprattutto al centro-nord e sulle Isole Maggiori.
Cristina Caolaiacovo, 11 i mezzi impegnati
Cristina Caolaiacovo

In alcuni casi, grazie ai venti favonici attivi ad esempio nel corso di questo pomeriggio nel Lazio, le elevate temperature riguardano anche il settore costiero, notoriamente interessato dalla brezza marina responsabile di un contenimento delle temperature su queste aree. Diversamente dal solito dunque, e grazie ancora alla presenza di una circolazione instabile sulla Penisola balcanica, si verificano condizioni di caldo torrido.

Non mancherà qualche disturbo ad esempio domani nelle zone interne della Calabria

Nonostante il promontorio anticiclonico che sta interessando e interesserà anche nei prossimi giorni la nostra Penisola, una circolazione instabile continuerà comunque ad interessare i Paesi europei orientali e fungerà da vera e propria spina del fianco all’Anticiclone. Infatti, qualche disturbo sarà possibile già nella giornata di domani mercoledì 24 giugno sulle zone interne della Calabria, con lo sviluppo di qualche temporale localizzato e termoconvettivo nel pomeriggio. Qualche acquazzone sarà possibile anche sulle Alpi occidentali del Piemonte, in un contesto meteo che rimarrà comunque prevalentemente stabile sulla nostra Penisola.

Si apre un lungo periodo di stabilità in risposta a 20 giorni di maltempo

Si aprirà dunque da oggi (e in realtà già da ieri) un lungo periodo di prevalente stabilità sulla nostra Penisola grazie alla netta invadenza dell’Alta pressione di origine afro-azzorriana (ma sempre più con contributo sub-tropicale come vedremo nel prossimo paragrafo) all’interno del bacino del Mediterraneo. Non mancherà di tanto in tanto qualche disturbo temporalesco pomeridiano, in un contesto di cieli che si preannunciano prevalentemente soleggiati.

Caldo anche in aumento nei prossimi giorni

In molti settori italiani le temperature tenderanno anche ad aumentare nei prossimi giorni o, comunque, lo stato di benessere tenderà ulteriormente a peggiorare grazie a condizioni termodinamiche non proprio favorevoli a un clima gradevole. Nelle zone in cui la temperatura non aumenterà, ma tenderà anzi possibilmente ad abbassarsi, saranno gli elevati tassi di umidità a rendere il caldo afoso e più insopportabile. Tali condizioni persisteranno fino ad almeno a fine mese se non addirittura i primissimi giorni di luglio.

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all’Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l’articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*