Stelle al Merito a venti nuovi Maestri del Lavoro in Prefettura

 
Chiama o scrivi in redazione


Stelle al Merito a venti nuovi Maestri del Lavoro in Prefettura

Stelle al Merito a venti nuovi Maestri del Lavoro in Prefettura Perugia, consegnate le Stelle al Merito del Lavoro ai 20 nuovi “Maestri del Lavoro ” dell’Umbria Un riconoscimento al lavoro svolto ed un esempio di dedizione e laboriosità da quale modello per le nuove generazioni: è il significato dell°onorificenza, concesse dal Presidente della Repubblica delle “Stella al Merito del Lavoro” consegnate ufficialmente stamani a venti neo “Maestri del Lavoro” dell’Umbria in occasione della ricorrenza del 1° Maggio (15 della Provincia di Perugia e 5 di quella di Temi) tra cui 4 donne.

La consegna da parte dei Prefetti di Perugia, Raffaele Cannizzaro, e di Temi, Paolo De Biagi, è avvenuta nella Sala del Consiglio Provinciale di Perugia, presenti, fra gli altri, il Sottosegretario all’Intemo On.le Gianpiero Bocci, la Presidente dell”Assemblea Legislativa Regionale, Donatella Porzi, il Sindaco di Perugia, Andrea Romizi, oltre a Parlamentari, Autorità cittadine, gli altri Sindaci dei Comuni di residenza degli insigniti edi Vertici territoriali delle Forze di Polizia.

La cerimonia si è aperta con l°Im1o di Italia, seguito dal saluto di benvenuto del Consigliere Provinciale, Erika Borghesi, in rappresentanza del Presidente dell°Ente, che ha ricordato anche la valenza della giornata del l° maggio, Festa del Lavoro, istituita nel 1947 e della nostra Costituzione, di cui quest’anno ricorre il 70° anniversario.

Nel suo intervento, il Prefetto Cannizzaro, ha voluto sottolineare il significato profondo e duplice delle “Stelle al Merito del Lavoro” che esprimono “la gratitudine dello Stato nei confronti dei Maestri del Lavoro che rappresentano proprio 1’esempio concreto di quei cittadini che hanno vissuto facendo del proprio lavoro un modello di eccellenza cui ispirarsi e un momento di riflessione sul valore etico del lavoro, strumento di crescita non solo professionale delle persone ma per la sfera della stessa dignità umana”.

Occorre far si che continui il continui proficuo e costante rapporto di fiducia tra cittadini e Istituzioni di questo territorio cosicché si possano raggiungere i risultati prefissati Per far questo, è anche necessario prevenire e reprimere tutte le forme di illegalità nel lavoro propedeutiche alla sicurezza nei luoghi di lavoro” e per questo la  Prefettura è impegnata a contrastare ogni tentativo di distorsione alle regole del sistema nell’attività di ricostruzione post-sismica.

LEGGI ANCHE: 1 Maggio, Stelle al Merito a 17 nuovi Maestri del Lavoro dell’Umbria

Da parte sua, il Capo dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Perugia dott. Sabatino Chelli ha evidenziato, malgrado la congiuntura non ancora favorevole, il raddoppio delle domande pervenute e la difficoltà di procedere, per l’elevato livello delle candidature, alla selezione dei lavoratori da proporre per il conferimento del prestigioso riconoscimento, cosa avvenuta rispettando una rigorosa proporzione tra le categorie degli impiegati e degli operai.

Ha sottolineato l”importanza della prevenzione in materia di salute e sicurezza, svolta dall’Ispettorato Territoriale del Lavoro per assicurare la tutela dei lavoratori.

Il Console Regionale della Federazione Italiana Maestri del Lavoro, Giampaolo Censini, ha infine dato il benvenuto ai nuovi insigniti ricordando loro che rappresentano l’espressione più nobile del lavoro nelle sue diverse forme ed invitandoli, con il loro esempio, a rendere testimonianza alle nuove generazioni dei valori di singolare ed instancabile laboriosità, nonché di irreprensibile condotta morale, di cui sono espressione.

E’ seguita la consegna del diploma di conferimento dell°onorificenza e della Stella al Merito del lavoro ai nuovi Maestri del Lavoro, di cui si allega l”elenco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*