Maggioranza comune Perugia: «Cittadini hanno diritto al trasporto»

 
Chiama o scrivi in redazione


Trasporto pubblico locale, dall'11 settembre rimodulazione di alcune linee a Perugia

Maggioranza comune Perugia: «Cittadini hanno diritto al trasporto»

“Anni di incuria hanno caratterizzato la Regione sul trasporto pubblico – scrivono in una nota congiunta i capigruppo di maggioranza in consiglio comunale Mattioni (Lega), Vignaroli (Progetto Perugia), Mencaglia (Fratelli d’Italia), Pici (Perugia Civica),Cagnoli (Forza Italia) e Renda (Blu). Regione che non ha mai messo fondi propri in maniera strutturale sul TPL, ma si è sempre  limitata a utilizzare le risorse che provenivano dal Fondo Nazionale Trasporti.

© Protetto da Copyright DMCA

Ciò significa – sostengono i consiglieri – che i governatori umbri non hanno mai avuto l’obiettivo di investire sull’efficienza del  trasporto pubblico. Il piano dei trasporti regionale del 2014 è un atto a cui non è stata data mai effettiva attuazione, la gara sui trasporti regionali oramai ha un ritardo inaccettabile, l’Agenzia Regionale della Mobilità, prevista da una legge regionale del 2014 che avrebbe “liberato risorse” da investire sul TPL, è ancora un miraggio. Tutto questo non può essere pagato dai cittadini.

L’Amministrazione Comunale di Perugia, consapevole delle problematiche sul trasporto perugino -proseguono-, ha sempre fatto il suo dovere con grande responsabilità, lavorando ad un piano (PUMS) per migliorare l’efficienza e l’efficacia del servizio, cercando di mantenere i costi di gestione inalterati.

Vorremo ricordare che il PUMS di Perugia è uno dei pochi piani già approvati in tutta Italia e pronto per essere attuato. Il Minimetrò, che nel piano regionale trasporti è stato riconosciuto come “servizio minimo garantito”, invece è totalmente a carico dei perugini.  Vorremo ricordare anche che ormai da mesi l’FCU verte in una situazione disastrosa, dovuta ad anni di mancata manutenzione, seppur necessaria, da parte della Regione.

La maggioranza in consiglio comunale, tutta unita, -concludono – chiede, dunque, a gran voce ai governatori regionali di non trincerarsi dietro scuse inesistenti e inconsistenti quali quelle delle elezioni anticipate, ma di dare risposte immediate e concrete ai perugini e a tutti gli umbri. Noi quanto prima presenteremo una mozione per chiedere alla Regione una soluzione immediata sul tema dei trasporti, senza procrastinare i tempi accampando scuse”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*