Federcaccia, sezione Perugia chiede di posticipare le elezioni provinciali

 
Chiama o scrivi in redazione


Approvato il calendario venatorio 2020-21, al via con la caccia al capriolo

Federcaccia, sezione Perugia chiede di posticipare le elezioni provinciali


Sabato 6 aprile si è insediato su convocazione del presidente della Commissione elettorale il nuovo Consiglio direttivo della Sezione comunale di Perugia di Federcaccia che ha espresso l’architetto Paolo Raspa come presidente della Sezione coadiuvato dai vicepresidenti Sorci Gabriele e Vescovi Riccardo, e come segretario tesoriere Bonomi Federico. “L’insediamento – hanno spiegato dalla sezione comunale di Perugia di Federcaccia – fa parte del percorso di rinnovo in Federcaccia di tutti i suoi organismi, di cui il prossimo sarà il Consiglio provinciale, a cui sono chiamate le 73 sezioni comunali della provincia di Perugia”.


Federcaccia, sezione Perugia chiede di posticipare le elezioni provincialiLa Sezione di Perugia ritiene che “un’associazione responsabile, che pensa al solo interesse dei cacciatori e della caccia, dovrebbe presentarsi alle elezioni con un progetto ampiamente condiviso e unitario che non crei confusione tra le proprie sezioni comunali e che permetta a queste ultime di confrontarsi nei propri Direttivi neoeletti e non lasciare la scelta al solo presidente della sezione comunale”.


Lo statuto della Federcaccia Umbra, a tal fine, consente 30 giorni alle sezioni comunali per insediarsi e nominare le proprie cariche tra cui il presidente e i delegati (per le sezioni con più di 350 associati), ovvero coloro poi che sono deputati a votare per eleggere il nuovo Consiglio provinciale.


Nonostante questi tempi ‘previsti dallo Statuto’ – proseguono dalla sezione comunale di Perugia di Federcaccia –, il Consiglio direttivo provinciale uscente ha voluto indire le elezioni per il giorno 13 aprile non rispettando i termini, impedendo così di fatto a molte sezioni comunali di potersi confrontare, di condividere al proprio interno le linee da seguire, di sottoscrivere la lista di candidati al provinciale e soprattutto questa ‘fuga in avanti’ ha impedito il tentativo di fare una lista unica, espressione di serietà e appartenenza all’associazione e non di altri interessi.


Stupisce che ‘la fuga in avanti’ venga avallata anche da chi ricopre ruoli significativi all’interno dell’associazione”.

La Sezione comunale di Perugia di Federcaccia, pertanto, “ha diffidato formalmente l’attuale presidente provinciale dall’ostinato mantenimento della data fissata per elezioni raccogliendo anche la volontà già espressa dai comprensori del Folignate, della Valnerina e dell’Eugubino”.


Auspichiamo, nel rispetto dello statuto – hanno concluso dalla sezione comunale di Perugia di Federcaccia –, che la data fissata venga spostata in avanti consentendo la piena ricerca della formazione di una lista unitaria, vera espressione della volontà degli iscritti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*