Riaprono i mercati di Campagna amica, Coldiretti Umbria e Fase 2

 
Chiama o scrivi in redazione


Riaprono i mercati di Campagna amica, Coldiretti Umbria e Fase 2

Riaprono i mercati di Campagna amica, Coldiretti Umbria e Fase 2

Dopo circa due mesi di chiusura per l’emergenza coronavirus, iniziano a riaprire in varie città i mercati a km zero degli agricoltori della Coldiretti Umbria aderenti al circuito Campagna Amica. Oggi gli ormai inconfondibili gazebo gialli dei produttori della Coldiretti sono tornati a Pian di Massiano di Perugia, mentre domani l’appuntamento è con il mercato di Terni in via della Rinascita. Ad “inaugurare” le riaperture erano stati i mercati di San Mariano di Corciano e di Bastia Umbra, mentre nei prossimi giorni toccherà a Ponte San Giovanni, Spoleto e Gubbio.

La riapertura dei mercati degli agricoltori – afferma Giordano Mainò presidente Associazione Agrimercato di Perugia – rappresenta un piccolo passo verso l’atteso ritorno alla normalità, con le nostre imprese che possono riprendere a proporre ai cittadini-consumatori le eccellenze locali di qualità: dall’ortofrutta ai formaggi, dai salumi ai legumi, dalla carne ai prodotti da forno, fino a vino e olio.

Il tutto – spiega Mainò – nel rispetto delle prescrizioni previste dalla normativa in vigore per garantire la sicurezza sia degli operatori che dei consumatori; dall’obbligo di indossare mascherine e guanti, al rispetto delle distanze di sicurezza, fino alla presenza di dispositivi per l’igienizzazione delle mani. Dal lockdown di marzo – ribadisce Mainò – le aziende agricole hanno continuato a produrre, riorganizzando il proprio lavoro anche con la consegna della spesa a domicilio, ma sono diverse naturalmente le difficoltà economiche e logistiche che hanno dovuto affrontare. La riapertura dei mercati quindi, rappresenta una possibilità importante di cui sicuramente le imprese avevano bisogno.

Acquistare presso gli agricoltori – sottolinea Federico Leonardi presidente Associazione Agrimercato Terni – è un segnale di attenzione al proprio territorio e alla tutela dell’ambiente, ma anche un sostegno all’economia e all’occupazione locale. Il ritorno della spesa dal contadino – precisa Leonardi – consente ai nostri agricoltori di recuperare un posto importante nel cuore delle città, a servizio delle famiglie che vogliono tornare a consumare prodotti di stagione, del territorio a chilometri zero che l’agroalimentare made in Umbria è in grado di esprimere.

Il nostro Paese ha conquistato in pochi anni – ricorda Leonardi – la leadership mondiale nei mercati contadini con la più vasta rete di vendita diretta degli agricoltori organizzata con proprio marchio grazie alla Fondazione Campagna Amica. L’approvvigionamento tramite reti alimentari alternative – conclude Leonardi – consente anche di ridurre gli sprechi, perché i cibi in vendita sono freschi e durano di più e perché non devono percorrere lunghe distanze con le emissioni in atmosfera dovute alla combustione di benzina e gasolio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*