Balcke Durr di Fontignano, situazione lavoratori sempre più allarmante

 
Chiama o scrivi in redazione


Unipg, il personale delle biblioteche pronto allo stato di agitazione

Balcke Durr di Fontignano, situazione lavoratori sempre più allarmante È sempre più allarmante la situazione dello stabilimento Balcke Durr di Fontignano (Pg), azienda di proprietà deli fondo tedesco Mutares, che l’ha rilevata circa un anno fa. I lavoratori (80 in tutto) sono in cassa integrazione a rotazione da oltre sei mesi e l’incontro tra sindacati e proprietà di lunedì 26 novembre non ha dissipato dubbi e timori per il futuro della fabbrica. I lavoratori, che sono stati convocati in assemblea al termine dell’incontro, hanno espresso forte preoccupazione, soprattutto per la vaghezza degli impegni aziendali.

Al termine dell’acceso confronto, i lavoratori, la Rsu e le segreterie sindacali hanno convenuto sull’esigenza di alzare il livello del confronto aziendale, con azioni tese a salvaguardare la fabbrica e i posti di lavoro, oggi pesantemente a rischio per lo stato d’incertezza nel quale vive lo stabilimento.

Si è convenuto quindi di attivare due azioni immediate: richiedere un incontro urgente con la direzione regionale per le Attività Produttive, che ha risposto immediatamente convocando Fim, Fiom e Uilm per un incontro preliminare da svolgersi lunedì 3 dicembre alle ore 10.30; proclamare uno sciopero giornaliero da martedì 27 novembre fino a venerdì 30 novembre per le ultime 2 ore e mezza dei vari turni.

Inoltre, domani, giovedì 29 novembre, presso i cancelli dello stabilimento (via Pievaiola 307), si terrà un presidio con conferenza stampa alle ore 14.30, per evidenziare le difficoltà che hanno portato alla proclamazione dello stato di agitazione e degli scioperi.

Se entro la data di venerdì non si dovessero conoscere le decisioni strategiche della multinazionale Mutares rispetto alle prospettive future di Balcke Durr, i lavoratori decideranno se e come proseguire le azioni di agitazione, atte unicamente a difendere il proprio futuro lavorativo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*