Vicenda Piccolo Carro, chiesto il rinvio a giudizio per Cristina Aristei e Pietro Salerno

 
Chiama o scrivi in redazione


Presidente e vicepresidente del Piccolo Carro andranno a processo

Vicenda Piccolo Carro, chiesto il rinvio a giudizio per Cristina Aristei e Pietro Salerno

Il rinvio a giudizio è stato chiesto per Cristina Aristei e Pietro Salerno, entrambi coinvolti nell’inchiesta sulla cooperativa Piccolo Carro. Il sostituto procuratore Gennaro Iannarone ha avanzato la richiesta. Aristei e Salerno, marito e moglie, rispettivamente presidente e vicepresidente della cooperativa vengono accusati dei reati di truffa aggravata e frode nelle pubbliche forniture. Ospitavano in cinque strutture dell’Umbria – secondo quanto emerso – minori affidati dai servizi sociali senza le autorizzazioni necessarie per svolgere attività terapeutico-sanitaria.

La cooperativa – secondo la Procura – incassava circa 400 euro al giorno per ogni giovane ospitato. In udienza preliminare – insieme ad Iannarone – hanno preso la parola i difensori di quattro Asl e dell’Associazione Colibrì, costituite parte civile. Il giudice Piercarlo Frabotta il 28 novembre deciderà se prosciogliere gli imputati oppure mandarli a processo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*