Ladri ancora in azione a nord di Perugia, popolazione in allarme

E' successo a Solfagnano Parlesca e questa volta, al ladro, è andata male, è rientrato il padrone di casa e il furto, per fortuna, è sfumato

 
Chiama o scrivi in redazione


Ladri ancora in azione a nord di Perugia, popolazione in allarme

di Marcello Migliosi
Ieri sera, attorno alle 21.30, ladri ancora in azione nella zona nord di Perugia. Per l’esattezza, siamo ancora a Solfagnano Parlesca. Sì, proprio dove, in una officina meccanica, avevano rubato le targhe. Il furto, questa volta, è stato sventato dal proprietario della casa. 

Al rientro nella propria abitazione ha notato una figura maschile, vestita di nero e col volto coperto, aggirarsi per il terrazzo.

Il ladro stava cercando di forzare la finestra utilizzando un cacciavite. Il malvivente voleva entrare in casa ma, accortosi del rientro del proprietario, però, è sceso dabbasso rapidamente utilizzando la grondaia. Chi ci ha segnalato il fatto ha inviato anche una testimonianza fotografica dell’accaduto.

Tutta la zona Nord di Perugia sta soffrendo del fenomeno dei furti in appartamento, nei garage, nei negozi, nelle officine e pure per strada. .Par proprio che delle frazioni perugine più estreme non si ricordi più nessuno.

La gente è stremata e conta di cominciare ad organizzare delle ronde per proprio conto. Serve aumentare in controlli, serve piazzare telecamere, serve aumentare i punti luce e serve tanto, ma tanto, controllo.

“La popolazione a nord di Perugia – dicono i residenti della zona – chiede, intanto, tele telecamere all’ingresso ed uscita dalle frazioni come ci sono in città. Chiede anche che ci sia vigilanza assidua. E cioè una per il centro città ed una seconda nelle frazioni”. Di fatto, né più né meno, di come era qualche anno fa.

Chiedono anche che la stazione dei carabinieri dì Ponte Pattoli torni operativa assicurando una pattuglia 24 su 24, e che “non sia impiegata per interventi in città tranne per fatti gravi”.

Cambiare lo stato delle cose si può, basta essere veloci e risoluti. Come ben si sa il comune di Perugia, in termine di superficie, è uno dei più grandi ed è un territorio impegnativo da controllare. Ma a nord della città serve il controllo del territorio più che mai.

La gente chiede che ci siano gli agenti della polizia locale di giorno e di pomeriggio, “visto che la strada Tiberina nord sembra un circuito di Formula uno”.

“Vogliamo – aggiungono – che sia istituito il numero verde per le segnalazioni e una banca dati peri reati che avvengono nelle frazioni. E ci manca il contatto con le istituzioni”.

Tornando al numero verde “è necessario – spiega il nostro interlocutore – che sia il mezzo principale di contatto  tra i responsabili di quartiere e le forze dell’ordine, ma soprattutto – ripetono – che le Forze dell’ordine, quando chiamate, vengano anche se i ladri sono già andati via, anche se il furto è stato solo tentato”.

I territori interessati sono quelli delle frazioni di Solfagnano Parlesca, Ponte Pattoli, Tavernacce, Rancolfo e La Bruna.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*