Italeaf, incendio Nera Montoro è ok, nessun danno a persone

Il sistema interno di sicurezza ha messo in atto tutte le procedure di emergenza

Italeaf, incendio Nera Montoro è ok, nessun danno a persone

Italeaf, incendio Nera Montoro è ok, nessun danno a persone

Italeaf – Un incendio ha interessato, nella serata di ieri intorno alle 19, la sottostazione elettrica all’interno dell’area industriale di Nera Montoro. A generare l’incendio è stato probabilmente un corto circuito alla cabina primaria che si è esteso poi al trasformatore da 30 kV.

Il sistema interno di sicurezza ha messo in atto tutte le procedure di emergenza, consentendo l’immediato intervento dei vigili del fuoco e delle altre autorità di sicurezza, che hanno circoscritto le fiamme e spento il focolaio in circa un’ora. Non si sono verificati danni a persone, né problematiche di carattere ambientale, essendo la sottostazione elettrica posta in zona segregata e isolata rispetto al sito industriale e alle aree residenziali più vicine alla zona.

Sono in corso continue interlocuzioni con le istituzioni locali e le autorità competenti per il monitoraggio del guasto e l’assunzione di provvedimenti di sicurezza.

Italeaf S.p.A., costituita nel dicembre 2010, è una holding di partecipazione e un acceleratore di business per imprese e startup nei settori dell’innovazione e del cleantech. Italeaf opera come company builder, promuovendo la nascita e lo sviluppo di startup industriali nei settori cleantech, smart energy e dell’innovazione tecnologica.

Italeaf ha sedi operative in Umbria, in località Nera Montoro nel Comune di Narni, e a Milano. La società controlla, tra le altre, algoWatt, quotata sul mercato Euronext Milan di Borsa Italiana, Numanova, attiva nella produzione di polveri metalliche per la manifattura additiva e l’industria metallurgica avanzata e Italeaf RE, società immobiliare. Italeaf detiene, inoltre, tra le altre, una partecipazione di minoranza in Vitruviano Lab, organismo di ricerca attivo nei settori dei materiali speciali, della chimica verde e del cleantech.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*