Incidente, incubo nella notte, auto vola dal cavalcavia, ecco com’è andata

 
Chiama o scrivi in redazione


Due morti e sette feriti sulla E45, incidente stradale tra Pantalla e Marsciano

Incidente, incubo nella notte, auto vola dal cavalcavia, ecco com’è andata

Le vittime, di origine marocchina, erano residenti a Marsciano. Redouane Lhrach, di 34 anni e Imad Belhaj, di 33, hanno perso la vita nell’incidente avvenuto lungo la E45, tra le uscite di Pantalla e Marsciano-Collepepe.
L’auto sulla quale viaggiavano è precipitata dal cavalcavia che attraversa la superstrada, finendo, dopo un volo di oltre 30 metri, sulla carreggiata della stessa E45. Lì l’impatto con un’altra auto, che proveniva da Todi e
poi con una terza che è sbandata. L’incidente è avvenuto poco prima delle 23 di giovedì e la strada interessata è stata chiusa al traffico fino alle 4 di mattina. L’Audi nell’imboccare il cavalcavia ha sbandato andando a urtare contro l’angolo del muretto laterale sinistro abbattendo guard rail e rete di protezione.

Feriti gli altri sette occupanti delle auto, trasportati tutti all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Tra i feriti una ragazza di 20 anni che ha riportato lesioni un po’ più serie, si trova in prognosi riservata.

Redouane e Imad, nati in Marocco ma da anni residenti nel comune di Marsciano, sono morti sul colpo. A bordo di una delle due auto coinvolte c’erano quattro persone, residenti fuori regione e tre ragazzi tuderti gli occupanti del terzo veicolo.

Sul posto cinque ambulanze del 118 di Pantalla e di Perugia che hanno trasportato i feriti al Santa Maria della Misericordia di Perugia. Sono intervenuti i carabinieri per la viabilità, i vigili del fuoco per rimuovere i mezzi,
l’Anas per rimettere in sicurezza la strada e la Polstrada del distaccamento di Todi e del compartimento di Perugia, intervenuti e coordinati dall’ispettore Valter Gramaccia. Per una completa indagine sui modi e le cause, i due corpi dei marocchini saranno sottoposti ad esami per stabilire il loro stato psicofisico al momento dell’incidente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*